Posto di lavoro
2017-05-09 20:30:43 +0000 2017-05-09 20:30:43 +0000
360

Il mio manager mi ha detto che dovrei sentirmi a mio agio a dirgli se voglio lasciare l'azienda. Dovrei dirglielo?

Lavoro come ingegnere del software e sono nella mia azienda da quasi 3 anni. Recentemente ho iniziato a considerare altre opportunità al di fuori del mio attuale ruolo. Non c'è niente di particolarmente sbagliato nel mio attuale ruolo, ma ho la sensazione (dopo essere stato in azienda per circa 2 anni) che il prodotto non mi interessi più come una volta.

Ultimamente molte persone hanno lasciato la mia azienda e credo che sia per motivi simili e/o per motivi personali. La mia azienda ha attraversato momenti difficili negli ultimi anni e c'è stato un problema con le persone che hanno lasciato l'azienda ad un certo punto, ma sembra essere migliorata (non so se sia rilevante, ma potrebbe aiutare a spiegare le cose).

L'argomento è naturalmente venuto fuori nel nostro 1 contro 1 sulle persone che se ne vanno e mi ha detto che dovrei sentirmi a mio agio a fargli sapere se voglio andarmene e perseguire altre opportunità e che lui avrebbe appoggiato qualsiasi decisione io abbia preso. Una parte di me si sente come se volessi dirgli che sto facendo un colloquio di lavoro, ma allo stesso tempo non voglio mettermi sotto esame se posso aiutarlo.

È normale che la direzione e i dipendenti siano aperti sul fatto di essere alla ricerca di un nuovo lavoro o meno? Credo che, per essere più chiari, se si è vicini al proprio manager, sia meglio essere aperti sull'argomento? Per essere chiari, mi sembra di avere rapporti decenti con il mio attuale manager (non male, ma ci sono momenti in cui sono apertamente in disaccordo con lui sulle cose). Faccio questa domanda perché, dato il numero di persone che se ne vanno, mi chiedo se lui mi dica semplicemente questo per sapere se le persone se ne vanno all'interno del suo team e se sarebbe professionale o nel mio interesse farglielo sapere.

EDIT: Per chiarire una domanda comune che la gente si è posta è: che beneficio prevedo di ottenere dicendoglielo? Non sono sicuro che il mio processo di pensiero sia stato ingenuo, ma ho pensato che se il mio attuale capo mi sostenesse potrebbe potenzialmente darmi una raccomandazione, per quanto possa essere imbarazzante, dato che ha una forte comprensione di ciò che faccio. Ho chiesto ai precedenti manager di darmi delle raccomandazioni, ma si trattava di lavori durante la scuola e le aspettative erano chiare: il lavoro era solo temporaneo. Spero che questo aiuti a chiarire le cose.

Risposte [16]

451
2017-05-10 01:38:59 +0000

In primo luogo, esistono infatti dei manager che non ti licenzieranno solo perché pensano che tu voglia lasciare l'azienda, e che non ti negheranno incarichi di prugna o ti maltratteranno in altro modo. Io sono un tale manager, per esempio. Quando avevo delle persone che crescevano più velocemente di quanto potessi aiutare, non le biasimavo perché volevano qualcosa che non potevo dare loro. Di' che sei pronto a fare il capo di una squadra, ma non ho una squadra senza capo da mettere sotto di te. Non ho intenzione di assumere altre persone per farti avere quella squadra, non me lo posso permettere. Ma non ti rimprovererò di voler avere questa opportunità. Mi sono offerto di dare una referenza a qualcuno che si è candidato per una posizione per la quale pensavo fosse fantastico, e che me ne ha parlato in anticipo. Ho anche raccomandato un ex dipendente (che si è licenziato) per un ruolo presso un cliente, anni dopo.

MA -- Sono indistinguibile da un manager che farebbe questa richiesta, ma in realtà sta mentendo. Quindi vi consiglio di rispondere alla domanda in modo un po' diverso da come è stata formulata. Alcuni esempi:

Anche se non sono alla ricerca di un nuovo lavoro, sono alla ricerca di nuove opportunità in questo lavoro. Mi piacerebbe davvero [iniziare a dirigere progetti, fare più architettura, essere reperibile meno spesso, avere orari più flessibili, qualsiasi cosa]

o

Beh, se qualcuno mi contattasse all'improvviso in questo momento con una grande offerta, potrei essere un po' più vulnerabile di quanto non lo sarei stato un anno fa. Sono contento che ne stiamo parlando; forse ci sono alcuni cambiamenti che potremmo fare qui che potrebbero farmi tornare al mio livello di comfort.

Non parlate di quello che potreste fare o del perché potreste andarvene. Parlate di ciò che volete in un lavoro. Questo manager potrebbe essere in grado di darvi questo. O essere in grado di guardarti negli occhi e dirti "non saremo mai in grado di darti questo" - e sai cosa significa. Forse c'è un lato positivo nel dire quello che vuoi. Non c'è assolutamente nessun lato positivo nel dire che te ne andrai se non puoi averlo, o che stai già guardando altrove. Anche se hai me come capo.


Ma non ho detto che puoi dirmelo? Se vieni da me e mi dici "penso di essere pronto per X" e non posso offrirti questo, e poi mi dici che stai facendo domanda per essere X altrove, non è la stessa cosa di "se non mi dai X me ne vado". Non dare a nessuno degli ultimatum.


Ma, e questa è la chiave , hai bisogno di precisione. Non un vago disagio o il desiderio di qualcosa di più nuovo, più divertente, più interessante. Quali sono i compiti che volete interrompere o iniziare a svolgere? Vuoi essere su un progetto diverso? Avere più responsabilità? Vuoi imparare una lingua o una piattaforma o un quadro di riferimento diverso? Partecipare a più conferenze, seguire più corsi, interagire di più con i clienti? Il tuo manager ha iniziato questa conversazione, ma se il tuo unico contributo sarà "beh, non questo perché sono un po' stufo e annoiato", allora i tuoi desideri non potranno mai essere esauditi. E in questa circostanza, confermare che potreste avere un piede fuori dalla porta potrebbe esservi costato caro - senza alcun beneficio. L'unico modo in cui vale la pena di fare questa conversazione è se c'è un possibile beneficio. Questo può derivare solo dal sapere ciò che si vuole, piuttosto che da ciò che non si vuole più.

451
150
2017-05-09 20:38:50 +0000

Nel modo più forte possibile, NO!

Management è NON il vostro amico e avere rapporti "decenti" con il vostro manager non lo rende tale.

Non guadagnate nulla rivelando le vostre intenzioni e avete il vostro lavoro da perdere se lo fate. Non mentire, ma non rivelare la tua mano.

Dì "grazie" e "non sto pensando di andarmene". Naturalmente non penserete di andarvene finché non avrete un'offerta in mano. Se da un lato questo potrebbe essere un contatto amichevole con voi, dall'altro potrebbe essere che vi chiedano di andare a cercare il vostro sostituto.

La cattiva notizia per voi è che una volta trovato il vostro sostituto, non esiteranno a sbarazzarsi di qualcuno che ha detto loro che non vuole essere presente.

150
78
2017-05-10 06:32:38 +0000

Per esperienza personale, direi .

Sono uno sviluppatore di software senior con 13 anni di esperienza. Ho sempre detto ai miei datori di lavoro quando ho iniziato a cercare un nuovo lavoro, per una questione di principio personale. Non ho mai avuto ripercussioni negative da questo fatto.

I vantaggi per il vostro datore di lavoro includono:

  • Avere il tempo di iniziare a cercare un sostituto.
  • Iniziare presto i processi di passaggio delle consegne.

  • La comprensione che probabilmente non dovrebbero essere assegnati compiti a lungo termine.

I vantaggi personali includono:

  • Mi comporto con integrità secondo i miei principi personali di essere onesto e aperto.
  • Parto in condizioni davvero buone.
  • Posso essere aperto nel rispondere alle chiamate e nel prendere le ferie per andare ai colloqui.
  • Lascio il progetto in buone condizioni.

Non sono in disaccordo sul fatto che la risposta sicura non sia dirlo al datore di lavoro, ma non è sempre etico o professionale fare la cosa sicura. Gli ingegneri hanno dei codici deontologici e di condotta professionali e possono perdere la licenza di ingegneria per aver infranto tali codici, piuttosto che il loro lavoro, se il datore di lavoro chiede loro di fare qualcosa di non etico. I programmatori in genere non hanno tali codici professionali (a parte quelli dell'ACM), ma ciò non significa che non ci si debba attenere a standard più elevati. ( NOTA: Come ha osservato KRyan, non c'è nulla nell'ACM o in altri codici ingegneristici che richieda di dare un preavviso supplementare, ma personalmente considero professionale essere aperti sulle mie intenzioni ai miei datori di lavoro.)

Raccomando anche di non usare questo come tattica di negoziazione. Chiedo aumenti in occasione delle mie recensioni. Se il mio datore di lavoro non ritiene che valga la pena pagare di più, comincio semplicemente a cercare altre opportunità e non gliene faccio una colpa. È tua responsabilità occuparti dello sviluppo della tua carriera e della tua retribuzione, non del tuo datore di lavoro.

Un datore di lavoro generalmente non ti dà preavviso prima di licenziarti, e non dovresti aspettarti che lo faccia. Non credo che questo dovrebbe cambiare il mio comportamento. Non è una relazione personale, quindi non mi aspetto lealtà e non lo faccio per lealtà. Lo faccio perché è professionale.

*Nota che i datori di lavoro di alcuni Paesi (come il Sudafrica) sono obbligati per legge a metterti in un processo di miglioramento delle prestazioni prima se ti licenziano per prestazioni, e almeno due aziende in cui sono stato hanno parlato apertamente della necessità di ridurre il personale prima di iniziare qualsiasi processo di ridimensionamento. Queste cose sono culturali, e non mi aspetto che questo sia vero ovunque.

EDIT: Come Sebastian ha sottolineato , ha ottenuto ottime referenze, è stato intervistato perché i colleghi precedenti lo hanno raccomandato, ed è stato persino invitato una o due volte a lavorare in posti nuovi da ex capi. Credo che questi siano benefici significativi. Mi piace anche la sua idea di ottenere un accordo scritto se si tratta di una ricerca di lavoro a lungo termine.

78
40
2017-05-09 20:51:22 +0000

Una grande NOOOOOOOOO! sarebbe la risposta ufficiale.

Ho appena creato un account per rispondere a questa domanda, perché sento che dovete sapere come reagisce il management in questo tipo di situazione.

Una volta identificato un dipendente come "a rischio", intervisteranno i candidati per sostituirlo (o sostituirlo).

Il modo corretto di gestire la situazione sarebbe quello di annunciare il suo congedo DOPO aver trovato qualcos'altro.

La pensi in questo modo: il suo datore di lavoro le direbbe mai: "Stiamo cercando attivamente di sostituirla perché non soddisfa più le nostre esigenze". ? Non credo proprio. Preferiscono informarti che hanno trovato qualcun altro, consegnarti un assegno con 2 settimane di preavviso e chiederti gentilmente di andartene con la tua scatola di cose personali.

Ecco come si gioca. Sono stato nella tua posizione e ho deciso di dirlo al mio datore di lavoro, pensando che mi avrebbe dato un aumento o che avrebbe modificato il mio contratto di lavoro in base alle mie mutate esigenze... oh cavolo, ero giovane e ingenuo. Ha trovato qualcuno prima che avessi il tempo di trovare un altro lavoro. Non mi ha dato un avvertimento o un avvertimento... "Grazie per il suo tempo e le auguriamo buona fortuna per i suoi progetti futuri".

Solo se sei molto vicino al tuo datore di lavoro, come un cugino o un fratello, potresti forse rischiare di parlare di questo genere di cose... ma per il resto, tieni le tue interazioni professionali e le tue intenzioni (e le emozioni) per te stesso.

40
24
2017-05-10 00:44:57 +0000

La risposta è no. Dovrebbe essere giusto, quando il tuo manager vuole licenziarti, nessuno ti dirà:

Stiamo cercando di licenziarti. Siate preparati.

Allora perché dovreste dare un preavviso all'azienda? Non funzionerà mai bene, e non otterrete assolutamente nulla parlando della vostra intenzione.

24
19
2017-05-09 21:06:17 +0000

Penso que a resposta seguro* é não como outros disseram, mas cada um tem a sua própria orientação de vida.

Dependendo da sua relação com o seu chefe, da cultura da empresa, da rapidez com que quer sair, como é o mercado para o seu emprego e como é o seu financiamento se o despedirem imediatamente. E tenha a certeza de que quer realmente sair da empresa porque não há regresso, não há possibilidade de conseguir uma promoção, etc.

Muitas vezes, o empregador não tem qualquer ganho em despedi-lo no local. Ouvi falar de pessoas despedidas no local por razões de segurança e seja lá o que for, para que isso possa acontecer. Pessoalmente, não compreendo a lógica por detrás disto porque já é um funcionário com formação e qualificação. Quanto mais tempo passar com o seu empregador, mais eles ganham. Dependendo do tempo que quiser sair, o seu patrão pode gerir o seu projecto em consequência, como se lhe atribuísse histórias que exigiam mais formação e manter as coisas fáceis para a sua substituição.

A minha relação com dois dos meus chefes tornou-se pessoal após 3-4 anos de trabalho. Eu disse-lhes antecipadamente que queria sair, concordámos em algo como:

  • Eu espero que eles encontrem um novo candidato
  • Nós treinamos o novo tipo e validamos que ele pode fazer o trabalho
  • O empregador dá-me o tempo que eu preciso para encontrar um emprego que eu goste

A primeira vez, eu saí após 3 meses e demorou 8 meses da segunda vez.

Eu tenho uma grande referência, fiquei surpreendido com a quantidade de vezes que alguém que vai fazer parte de uma entrevista conhece alguém com quem eu trabalhei no passado. E, por vezes, tenho uma chamada de um patrão anterior a oferecer-me um emprego no seu novo local de trabalho.

Se decidir falar com o seu patrão, ** Recomendo-lhe que chegue a acordo sobre algo no papel** com prazo máximo, como o empregador tem 12 meses para encontrar alguém, você tem 12 meses para encontrar um novo emprego, etc. Atravessei o caminho de alguns tipos que negociaram a sua saída através de um aumento salarial como +25% do tempo em que não mudam de emprego. Então não é comum, mas pode ser feito com benefícios mútuos.

Em conclusão, qual é a vibração com o seu chefe? Como é que se sente? Está preparado para o pior caso? Qual é o estado do seu projecto? Há alguma apresentação de um grande cliente empregador em breve?

Boa sorte!

19
13
2017-05-10 08:05:16 +0000

Se

  • siete sicuri della vostra impiegabilità, cioè se venite licenziati non è un grosso problema, e
  • se volete mantenere un contatto personale con il capo dopo che ve ne siete andati, e
  • volete dare l'impressione di essere affidabili, e
  • sono altrimenti a loro agio a discutere delle vostre ragioni (perché questo verrà fuori), e
  • potreste vedervi tornare in azienda più tardi,

allora penso che si , vale la pena rischiare di dirlo.

Ma si renda conto che è un rischio. Potrebbe farti licenziare prima di quanto tu voglia, potrebbe farti odiare dal capo, potrebbe rendere doloroso il tempo che ti rimane nel lavoro attuale.

Se sei disposto a correre questi rischi, allora fai pure. Naturalmente non rivelare tutto, soprattutto terrò la prossima azienda esplicitamente segreta fino a quando non avrò messo il mio nome sul loro giornale con una data prestabilita. Mantenere questo segreto elimina il piccolo ma reale rischio che il tuo attuale capo li chiami e dica cose cattive su di te.

13
4
2017-05-10 15:59:05 +0000

Dalla mia esperienza personale (per quanto limitata), non dovresti sentirti costretto a parlarne al tuo capo.

Ho avuto un ottimo rapporto di lavoro e personale con il mio precedente manager, ma non me la sentivo di correre rischi con il presidente della startup di cui facevo parte. Pur sapendo che potevo assolutamente fidarmi del mio manager, sapevo anche che non poteva tenerlo per sé e che avrebbe dovuto segnalarlo. Così gliel'ho tenuto nascosto fino a quando non ho dovuto dargli la mia lettera di dimissioni.

È stato uno shock per lui, ma ha capito, e siamo rimasti in stretto contatto anche dopo il mio trasferimento. Quest'estate andremo insieme a un concerto.

Anche se questa non è una risposta adeguata alla domanda "dovrei dire al mio manager che sto cercando di lasciare", credo che affronti l'aspetto sociale della questione.

4
3
2017-05-10 09:08:30 +0000

Il contesto è importante.

Ultimamente molte persone hanno lasciato la mia azienda e credo che sia per motivi simili e/o per motivi personali.

Sembra che il manager sia davvero ansioso di perdere un altro dipendente (si spera competente). Come già accennato nelle altre risposte, le loro motivazioni potrebbero essere qualsiasi cosa tra due estremi:

  • Vogliono essere preparati in tempo per sostituire l'ennesima perdita (e una volta trovata, il tuo "considerare di andartene" diventa "essere lasciato andare")
  • Vogliono evitare che tu (e forse anche altri) te ne vada, e quindi hanno bisogno di capire perché di recente molti se ne sono andati forse senza dare un feedback utile.

In entrambi i casi potresti iniziare con qualcosa del tipo "Immagino che ti stia chiedendo perché molti altri se ne sono andati di recente? Non conosco le loro motivazioni, ma ad essere onesti ci sono cose che potrebbero essere migliorate"

Sento che il prodotto non mi interessa più come una volta.

Il manager potrebbe non essere in grado di percepire questo, né da te né da nessun altro. Ci potrebbe essere un modo più costruttivo per dirlo (come in, forse il prodotto ha bisogno di essere migliorato, dal momento che una mancanza di interesse da parte degli sviluppatori potrebbe essere correlata ad una mancanza di interesse da parte dei clienti), o almeno maggiori dettagli. Se lo si afferma in questo modo, sì, si potrebbe anche dire "Sì, sto pensando di andarmene, e non c'è molto che si possa fare". Assicurati solo di non farlo sembrare un ricatto!

La domanda è: c'è qualcosa che possono fare a riguardo? Se stanno cercando di migliorare l'intera situazione di molti dipendenti che se ne vanno, questa può diventare una discussione molto produttiva che fa sì che il vostro lavoro si trasformi di nuovo in qualcosa di piacevole. Se vogliono solo valutare se anche lei ha bisogno di essere sostituito presto, beh, lei _ha già iniziato a considerare altre opportunità.

La cosa importante è avere una discussione costruttiva al riguardo, e non un semplice "Sì, lo sono" che lascia il manager alle proprie (probabilmente dannose) conclusioni.

3
1
2017-05-12 20:39:22 +0000

Il corretto è non rispondere alla domanda.

In questo modo il tuo datore di lavoro è preoccupato per la tua partenza, ma non sa quando o se inizierai a cercare. Quindi rispondi in questo modo :

Perché dovresti cercare altrove? (retoricamente) È preoccupato per questo? Sai che puoi rendermi più difficile trovare un nuovo lavoro aumentando i miei requisiti salariali. (Big Grin)

1
1
2017-05-10 10:28:59 +0000

Altre risposte portano già molti punti rilevanti e importanti. Tuttavia, non credo che questa domanda abbia una risposta universale corretta per ogni situazione. La domanda più importante qui è chi ha la leva?

Lei ha detto di essere un ingegnere del software; per esperienza personale, così come per conoscenza generale, vedo che gli ingegneri del software, al di sopra di un certo livello di competenza, si trovano in situazioni in cui il dipendente è più prezioso per il datore di lavoro che viceversa. In altre parole, se mi dimettessi subito (per qualsiasi motivo), troverei un nuovo lavoro molto più facile e prima che la mia azienda debba trovare un sostituto.

Pertanto (dato che questa ipotesi è corretta sulla vostra situazione), la minaccia di lasciare l'azienda (volontariamente o di essere licenziato) non è una minaccia per voi, ma una minaccia per l'azienda - e, cosa più importante, per questo stesso manager. Quindi, ammettere che questa è effettivamente una possibilità distorce la negoziazione a vostro favore. E dato che ci sono effettivamente cose che non ti soddisfano e che vorresti ri-negoziare , rivelare queste informazioni al tuo manager sembra la giusta linea d'azione.

1
1
2017-05-13 11:33:49 +0000

Sono d'accordo con chi consiglia di non rivelare la mano. E scrivo come manager. Ma ecco una piccola prospettiva in più.

Anche i manager sono umani, proprio come te. Il loro io migliore e logico può volere e aspirare a essere imparziale e aperto. Ma hanno ancora una parte emotiva, meno logica del loro cervello (il sistema limbico e il tronco cerebrale) che è più suscettibile alle debolezze e ai pregiudizi umani. Ed è quella parte meno logica che può facilmente scaturire nella vita e prendere il controllo quando sono sotto qualsiasi tipo di stress (ad esempio, dalla pressione del proprio capo, dalla stanchezza o anche dai problemi a casa).

Ora potrebbe benissimo essere che le intenzioni del vostro capo siano vere e giuste quando vi dice che non subirete alcuna ripercussione se siete aperti sul fatto di voler andarvene. Ma questa è la sua migliore aspirazione. Apriti e pianterai un seme del dubbio che germoglierà e comincerà a crescere. Nel profondo, nei suoi momenti meno logici, potrebbe cominciare a pensare a te come a un traditore o a un dispensatore - anche se lo fa inconsciamente.

Tali giudizi possono essere relativi, fatti solo in confronto ad altri dipendenti. Ma quando ha bisogno di lasciar andare qualcuno, questi conta lo stesso contro di voi.

1
1
2019-07-11 23:20:11 +0000

So che questa domanda è vecchia e che sono state pubblicate molte belle risposte. Tuttavia, in qualità di OP, voglio pubblicare la mia esperienza con questo, poiché ho l'esperienza per sostenerlo e ho pensato che sarebbe stato rilevante e avrebbe potuto sorprendere alcune persone.

Solo un aggiornamento FYI, ho cambiato lavoro da allora. Ho seguito il consiglio e non l'ho detto al mio manager. Le cose sono andate su e giù e ho avuto un paio di manager da quando mi è stata fatta questa domanda. Il mio responsabile tecnico all'epoca è stato promosso a manager e qualcun altro del team è stato scelto come responsabile tecnico. Il mio nuovo manager ed io eravamo molto uniti, ma non gli ho ancora detto che stavo pensando di andarmene.

Penso davvero che i consigli che ho ricevuto nelle risposte siano arrivati a casa -- Ho parlato di quello che stavo cercando con lui, ma sono stato onesto con me stesso se sentivo di poter trovare quelle cose nella mia attuale azienda, indipendentemente dal fatto che il mio manager sentisse che potevo trovare quelle cose. Alcune delle cose che mi hanno fatto capire che volevo andarmene erano il fatto che non stavo imparando niente di nuovo. Molte delle cose che volevo imparare (nuove tecnologie, ecc.) ci stavano mettendo così tanto a trasferirsi e ho stimato che ci sarebbero voluti alcuni anni prima di arrivare. Anche le prospettive dell'azienda non erano buone. Anche se non mi sono lasciato influenzare da questo, è stato sicuramente qualcosa di cui sono stato coscienzioso per molto tempo. Ho pensato a tutti i problemi che ho visto che l'azienda ha X anni fa e ho pensato a quanti di essi sono stati identificati come problemi e se qualcuno di essi è stato risolto. Molti di questi problemi sono ancora in giro.

Ho ottenuto il meglio di tutte le cose - ho spinto molto per studiare da solo dopo il lavoro e sono stato lento ma intelligente nei colloqui, ma ho comunque lavorato sodo per raggiungere i miei obiettivi all'interno dell'azienda e inevitabilmente ho fatto un passo avanti. Un mio obiettivo di carriera era quello di diventare un tech lead e quando me ne sono andato, ho raggiunto questo obiettivo (mi è stato offerto il posto di tech lead subito dopo che l'altro tech lead se n'è andato) che ha avuto un buon tempismo e potrebbe anche avermi aiutato ad ottenere il mio nuovo lavoro (sentendo che ora ero un tech lead ha sicuramente alzato un po' le sopracciglia).

Quando ho dato il mio preavviso, è stata dura e lui è stato onesto con me. Era depresso, ma era felice per me. Mi ha detto che l'altro capo tecnico era onesto con lui sul fatto di guardarsi intorno e durante i loro incontri 1 contro 1, gli faceva domande per il colloquio di prova, che era estenuante (mi ha anche spiegato a volte perché era assente e il mio manager non ha detto nulla). Una parte di me vorrebbe che glielo avessi detto prima (avrebbe potuto rendere le cose più facili), ma un'altra parte di me è ancora contenta di non averlo fatto. Se gliel'avessi detto, non so se avrei avuto i miei aumenti o le mie promozioni e sono anche contento di aver passato quegli 1 contro 1 concentrati sulla mia crescita professionale, perché sento che molte di quelle discussioni si ripercuoteranno sul mio nuovo lavoro.

Nella mia nuova azienda, hanno menzionato qualcosa di simile -- i manager sono di supporto alla tua carriera e il workshop leader ha detto che aveva qualcuno che cercava di andarsene, così ha detto che dopo non aver trovato qualcosa nell'azienda, li avrebbe intervistati durante i colloqui 1-on-1 e avrebbe dato forti referenze se ne avessero avuto bisogno.

È interessante notare che nel mio nuovo team al mio nuovo lavoro, il mio manager mi ha detto che sospetta che qualcuno del team stia cercando un nuovo lavoro e voleva che io prendessi alcuni dei progetti a cui sta lavorando. Posso dire che nutre del risentimento nei loro confronti. Non sono sicuro che gli abbia detto sinceramente che stava cercando di aiutarlo, ma penso anche che il fatto che non gliel'abbia detto e che lavorare la metà del suo tempo stia peggiorando il risentimento.

È difficile per me dire, in base alla mia esperienza, se è una buona idea dirlo al suo manager. Credo che dipenda davvero dal tuo manager, ma i buoni manager sosterranno te e la tua carriera (vale la pena cercare un buon manager, se puoi). Personalmente, ritengo che siano i migliori a sostenere la tua carriera all'interno dell'azienda. Se hai davvero bisogno di quel supporto extra quando ti guardi intorno, ti direi di considerare di dire qualcosa se sei vicino al tuo manager.

Spero che questo aiuti qualcuno. Grazie per tutte le vostre risposte.

1
0
2017-05-17 17:48:16 +0000

Sono stato su entrambi i lati della questione.

Come dipendente: All'inizio degli anni '90 ho lavorato per un appaltatore della difesa. Il settore della difesa si stava restringendo. All'epoca conoscevo il mio capo da sei anni e mi ha assicurato che, finché fosse stato impiegato, lo sarei stato anch'io. Piuttosto che fare la debole ouverture che si riferisce a lei, il mio capo suggerì di più:

  • Disse che forse non avrei potuto enjoy il lavoro per i prossimi anni. Ha detto che se volesse dare un'occhiata in giro, l'anno successivo potrebbe essere un buon momento per cercare.
  • Ha aggiunto che avrebbe sostenuto la mia ricerca assicurandosi che potessi andare alle conferenze, presentare documenti e aumentare il mio profilo - sempre qualcosa di preoccupante per quelli di noi nell'industria della difesa di quel tempo.

Ha funzionato. Trovai un lavoro in una grande azienda della Silicon Valley, e me ne andai felice e in buoni rapporti. Il mio capo ha avuto il vantaggio di sapere che ero una delle persone disposte ad andarsene, e questo gli ha risparmiato una decisione di licenziamento.

Da tempo ho la sensazione che i supervisori che dicono solo "Ho una porta aperta", o "Puoi parlarmi di qualsiasi cosa", prendono la strada facile e bassa --- non richiedono nulla da loro, se non dire qualche parola. Qualcosa di concreto dovrebbe essere offerto prima di accettare l'offerta e di far correre la bocca al suicidio della carriera.

Come manager: Il tempo passava, e mi ritrovavo dall'altra parte. Ho incoraggiato tutti quelli che hanno lavorato per me (ingegneri e poi altri manager) a farmi sapere se stavano ottenendo ciò di cui avevano bisogno dal loro impiego. Andai in giro e chiesi, e chiesi molto più spesso del ciclo di revisione, o del mensile / trimestrale / annuale 1 su 1.

La mia sensazione come manager è che la cosa più difficile da affrontare è l'improvvisa indisponibilità. Ho avuto un dipendente che è morto d'infarto a 39 anni. Altri si sono licenziati senza preavviso. Qualsiasi informazione è gradita a un manager serio, anche quando si tratta di un'e-mail che dice "Ho bisogno di un giorno libero" invece di chiamare in malattia alle 8:30 del mattino senza alcuna spiegazione. (Nota: mi rendo conto che le persone si ammalano all'improvviso.)

Generalmente: Ho scoperto che le persone sono o essenzialmente oneste o essenzialmente disoneste. Se avete una buona ragione per credere che il vostro manager sia nella prima categoria, allora potete entrambi beneficiare del fatto di essere sempre onesti. In caso contrario, siate prudenti.

0
0
2017-05-13 14:58:29 +0000

Ci sono un sacco di buone risposte qui, aggiungerò che una volta detto "sì", il tuo avanzamento in quell'azienda finisce.

Perché dovrebbero promuoverti o mandarti alla formazione? Te ne andrai e basta. Probabilmente passeresti un po' di tempo a documentare le tue responsabilità in modo che la tua partenza non causi danni indebiti. E prima pensavi che il lavoro fosse noioso!

Naturalmente, la ragione per cui te ne vai potrebbe mitigare questo aspetto. L'OP è semplicemente annoiato. Questo non basta. Ma conoscevo un tizio che ha detto al capo che lo cercava perché era in gravi difficoltà finanziarie. Era stato licenziato e disoccupato per qualche anno; ha accettato il lavoro a basso costo perché rischiava di perdere la casa. Dopo un paio d'anni, disse al capo che voleva un aggiustamento per avvicinarsi al suo stipendio precedente al licenziamento. Era un buon impiegato, ma era ancora completamente a corto di soldi. Comprensibile.

0
-2
2017-05-11 04:28:34 +0000

I bravi ragazzi finiscono per ultimi. Il manager "migliore" probabilmente fa sentire i suoi uomini come se potessero dirgli tutto ciò che può poi usare per massimizzare il profitto dell'azienda, abbandonando l'impiegato fidato come un involucro per hamburger. Il vecchio detto è: "Ogni buon manager ha un po' di bastardo in sé". Quello che di solito non dura a lungo. Essere un manager sensibile ai dipendenti è il bacio della morte per la maggior parte del tempo. Il proprietario lo ha messo in un ruolo manageriale per fare soldi al proprietario, non per rendere felici i dipendenti. Uno degli oneri dei bravi ragazzi è l'onestà, odiano non essere disponibili perché gli piace pensare di essere affidabili e fidati e di poter contare su qualcuno su cui gli altri possono contare. È una buona ideologia da mantenere con gli amici, ma il tuo capo, presumo, era il tuo capo prima di diventare un conoscente amichevole. Questo significa che hai prima di tutto un rapporto d'affari, e quindi non gli devi una finestra sulla tua anima. Non devi sentirti come se dovessi liberarti di ogni desiderio egoistico di carriera come potresti fare con tua moglie se ti sentissi in colpa per un'attrazione inappropriata verso un'altra donna. Il contratto di lavoro probabilmente non era per un termine "finché morte non ci separi".

I manager sono manager perché i proprietari promettono loro più cose in cambio di fedeltà. Ciò significa che ci si aspetta che operino nell'interesse delle aziende e poiché pagare stipendi non necessari non è nell'interesse delle aziende, cercano di non pagare più del dovuto e di ridurre al minimo i danni causati dall'ammutinamento gettando prima le persone in mare. Ci sono aziende che trattano i loro dipendenti più come amici, ma di solito godono di qualche vantaggio particolare che permette loro di rilassare la paranoia, come avere un sacco di soldi da bruciare. La maggior parte non lo fa.

Quindi, la risposta onesta degli affari è: non sarei onesto se dicessi che non faccio attenzione al mercato del lavoro di tanto in tanto. Penso che tutti stiano al passo con il mercato, se vogliono sopravvivere. Ma al momento non sto perseguendo nulla di specifico. Questo non significa che non potrei non essere tentato da qualche offerta particolarmente allettante se uno si presentasse, ma vi farei sapere se qualcosa del genere saltasse fuori e pensassi che potrebbe essere una possibilità reale. So che avete bisogno di tempo per fare acquisti per le sostituzioni, quindi vi estenderei certamente questa cortesia, visto che siete stati così gentili con me. Ma data la mia attuale mentalità, non credo che sia qualcosa di cui vi dobbiate preoccupare tanto presto, se mai. Se le cose cambieranno, però, vi farò sapere.

Mi piace anche il suggerimento di Sebastien DErrico, se la relazione è abbastanza stretta da renderla piacevole. La parte difficile è capire cosa pensano di te. Potresti pensare che siano fantastici, ma se pensano che tu sia solo un altro lemming, allora suggerire un modo amichevole per rendere tutti felici potrebbe essere solo una complicazione in più di cui non vogliono preoccuparsi. È un po' come suggerire a tua moglie che la consulenza potrebbe essere utile sia quando il matrimonio non funziona che quando tutto quello che vuole fare è scoparsi il postino e farti fare i bagagli. Potete proiettare la vostra civiltà su di loro e supporre che siano gentili e premurosi come voi, ma se non lo sono, e la maggior parte in una posizione superiore non lo sono, allora potreste essere sorpresi da un licenziamento se suggerite a tutti un approccio vincente alla vostra partenza. D'altra parte, penso che sarebbe l'ideale se fosse fattibile, perché lascia i ponti intatti.

-2