Posto di lavoro
2012-08-28 17:05:03 +0000 2012-08-28 17:05:03 +0000
486

È scortese lasciare un colloquio in anticipo se si è già presa una decisione?

Un mio amico si è recato di recente a un colloquio per un posto di sviluppatore di software presso una nota azienda. Si trattava di una posizione di alto livello, e aveva un'esperienza di business molto rilevante nel settore. Gli ho dato la più alta raccomandazione dopo aver lavorato con lui in passato come un ragazzo che non si fa prendere dal panico e affronta direttamente i problemi reali.

Sapeva a metà strada che non si sarebbe adattato alla cultura. È stata un'intervista di tutto il giorno in cui tutti hanno avuto la possibilità di torchiarlo. Lo si rimproverava di aver sbagliato a non seguire alla lettera i principi molto dogmatici della legge. Era anche preoccupato del fatto che a nessuno sembrasse importare molto della sua esperienza di business e lo giudicava intensamente solo in base alle sue capacità di programmazione, che considerava solo un aspetto della sua esperienza di sviluppo software. Era una pianta aperta dove tutti indossavano jeans, magliette e sandali. La stragrande maggioranza era all'inizio dei vent'anni, con la persona più anziana e lo sviluppatore principale che aveva 30 anni. Si aspettavano che fosse coinvolto in progetti collaterali e codice per divertimento quando non era in ufficio.

A un certo punto, quando gli è stato chiesto di spostarsi in un'altra sala conferenze, ha deciso che ne aveva abbastanza e ha detto che aveva finito il colloquio e voleva andarsene. La sala era apparentemente scioccata e costernata. Gli chiese gentilmente dove fosse l'ascensore, a quel punto qualcuno gli scattò una risposta piuttosto duramente. Poteva sentire un'improvvisa ostilità da parte di tutti nella stanza in quel momento.

Quando è andato a lasciare il piombo è saltato nell'ascensore con lui e gli ha chiesto perché non voleva continuare e lui ha detto che si sentiva intrinsecamente in disaccordo con la cultura del luogo e che non si sarebbe inserito bene. Il protagonista a quanto pare agiva completamente incredulo al concetto che qualsiasi sviluppatore non sarebbe stato felice in questo ambiente.

Sono confuso da questo perché un po' di tempo fa anch'io avevo lasciato un colloquio in anticipo quando ero senza dubbio certo che non mi sarei trovato bene e gli intervistatori si comportavano più o meno nello stesso modo descritto dal mio amico, incredulo e ostile.

Questo comportamento è considerato intrinsecamente scortese da parte dell'intervistato?

Se c'è qualcosa che mi fa pensare che lei stia facendo loro un favore non sprecando più del necessario il loro tempo, ma forse mi sbaglio?

Risposte [19]

525
2012-08-28 17:49:35 +0000

È facile dimenticare che un'intervista va in due modi. Sospetto che la loro reazione sia stata per lo più uno shock dell'ego, e che abbia avuto poco a che fare con la gentilezza del tuo amico o meno. Uscire non appena ha visto il codice d'abbigliamento e la pianta del piano sarebbe stato scortese. Una volta trascorso abbastanza tempo per vedere i pregiudizi iniziali del passato, secondo me è più scortese sprecare ulteriormente il tempo di qualcuno.

525
262
2012-08-28 17:26:21 +0000

Non credo che ci sia niente di male nel lasciare un'intervista di una maratona se ci si rende conto nel mezzo che nessuna delle due parti ne trarrà beneficio (personalmente, sarebbe molto _ brutto per me andarmene nel mezzo perché spero sempre che la situazione possa cambiare e che qualcosa possa essere recuperato). _HOW la sua uscita è probabilmente la chiave e molto importante se non vuole reazioni così ostili. Sarebbe meglio dire qualcosa di molto educato come:

Prima di continuare la prossima fase, vorrei ringraziarvi per tutto il tempo che avete passato questa mattina. In questa fase dell'intervista, credo che non sarebbe vantaggioso per nessuno di noi due continuare il processo.

o qualcosa del genere. Se l'intervistatore reagisce con rabbia, penso che sia piuttosto poco professionale da parte sua. Preferirebbero che lei rimanesse tutto il giorno solo per sentire alle 16.00 che ha deciso 5 ore fa che l'intero esercizio era inutile? Non mi piacerebbe se fossi io l'intervistatore.

262
218
2012-08-28 20:36:38 +0000

In questo caso, .

Il comportamento del tuo amico come l'hai descritto è stato scortese, e dovresti aspettarti che la maggior parte degli intervistatori avrà probabilmente una reazione simile.

Quello che ha fatto bene:

  • Aspettando una pausa naturale nell'intervista

"[...] quando gli è stato chiesto di spostarsi in un'altra sala conferenze ha deciso che ne aveva abbastanza [...]. ]"

Quello che ha sbagliato:

  • Chiedere di andarsene davanti a tutto il gruppo
  • Chiedere di andarsene senza spiegazioni

Gli intervistatori avevano già trascorso del tempo con il tuo amico, e quello che il tuo amico ha ottenuto è stata la consapevolezza che la cultura aziendale non era di suo gusto, ma non ha offerto questa informazione in anticipo, e gli è stato chiesto:

"[...]. ...] il protagonista è saltato in ascensore con lui e gli ha chiesto perché non voleva continuare [...]"

A questo punto, a prescindere dai presupposti sui gusti degli altri, chiunque si sentirebbe almeno preso alla sprovvista e potrebbe essere sulla difensiva, rischiando che la reazione davanti a tutta la sala rappresenti un livello particolarmente elevato di disinteresse per i sentimenti di quel gruppo. Inoltre, potrebbe esserci disaffezione perché le informazioni sul motivo per cui i candidati decidono di non voler lavorare lì sono valorose per l'azienda. I datori di lavoro sono molto interessati ad attirare candidati qualificati e il vostro contributo può potenzialmente aiutarli ad ottenere qualcosa da questa situazione. Potrebbero offrire di adeguare la cultura, o decidere di fornire informazioni sull'ambiente durante un colloquio preliminare, ad esempio.

Nel corso dello stesso colloquio potrebbero anche essere effettuati adeguamenti o offerte alternative, se gli intervistatori ne avessero la possibilità. Andarsene in anticipo senza spiegazioni significa rinunciare alla società e privarla di ogni possibilità di migliorare, o cercare di riconquistarla.

Poiché sembra preoccupato di non essere mai stato un maleducato** o di non aver sprecato il tempo degli intervistatori** , allora deve essere compassionevole, e/o vuole mantenere una buona reputazione. Per raggiungere questo obiettivo è necessaria la decenza umana di base di avere una conversazione con gli intervistatori come esseri umani e di essere onesti. Saranno molto meno offesi se vi sforzerete di rendere il colloquio proficuo e gli darete anche la possibilità di parlare.**

Potreste anche imparare qualcosa sulle loro impressioni su di voi.

218
80
2012-08-28 18:23:35 +0000

Per rispondere alla domanda vera e propria, è scortese se non si offre una spiegazione adeguata, ma non è intrinsecamente scortese. Il normale corso degli eventi è che l'intervistato rimane fino alla fine del colloquio. Se si infrange questa aspettativa è scortese non spiegare il perché. "Ho finito il colloquio e voglio andarmene" (probabilmente non è una citazione testuale, ma comunque) non è molto esplicativo.

Il semplice fatto di dare un motivo che non critica la società o gli intervistatori è probabilmente sufficiente. Se una spiegazione sincera sarebbe critica, dire semplicemente che non ti sembra una buona idea non è male.

Sarebbe più educato riconoscere che la tua decisione ha sprecato i loro sforzi, cosa che puoi fare ringraziandoli per il loro tempo e trasmettendo un certo rammarico nel tuo tono, o forse esplicitamente, come in "Mi dispiace tanto che non abbia funzionato, ma non credo che sarei una buona idea e non credo sia giusto occupare altro del tuo tempo". "Quindi, non è intrinsecamente scortese, ma è intrinsecamente imbarazzante e richiede uno sforzo particolare per non offendersi.

80
61
2012-08-29 13:30:27 +0000

Probabilmente sto ripetendo alcuni di questi post, ma volevo sottolineare un'ulteriore prospettiva, quella della squadra di intervistatori. Parlando da manager, posso dire che organizzare un colloquio di un giorno è un'impresa epica. Non è quello che considero di fare per la maggior parte dei casi, perché comporta più giorni-uomo di tempo di preparazione per esaminare un singolo candidato. In molti casi è giustificato - forse anche in questo caso - ma bisogna essere molto sicuri di avere un buon ritorno sull'investimento.

Capisco che un candidato non voglia sprecare un giorno intero quando sa per certo che non accetterà un'offerta da parte della società - e lasciare il colloquio e restituire a tutti i membri del team di colloquio la seconda metà della giornata è lodevole. ... ma tenete presente che una squadra di persone ha bloccato i loro calendari, e lo hanno fatto perché pensavano che considerare questo candidato per il team sarebbe stato un buon uso del loro tempo.

Quindi, qualche pensiero:

Least Effort, Most Value

Non ho ancora sentito parlare di un ciclo di colloqui di un giorno che non sia stato preceduto da almeno 1, forse 2-3 schermate telefoniche o colloqui più brevi di 1-2 ore. Molte delle questioni sopra menzionate avrebbero potuto essere sollevate se non fossero state precedute, e sia il candidato che il team di intervistatori avrebbero potuto evitare i colloqui. Per esempio, una qualsiasi di queste domande è un buon foraggio per ogni volta che un intervistatore dice "qualsiasi domanda"?

  • Qualsiasi cosa dal Joel Test - inclusa la codifica del proprio framework MVC, e l'area di seduta aperta

  • Qualsiasi cosa che sembri un disallineamento culturale - per esempio, se i colloqui hanno tutti fatto domande specifiche sulla programmazione, invece di domande sul dominio dei problemi - allora chiedete all'intervistatore perché non gli interessa. In realtà ho fatto questo e ho ottenuto delle risposte molto utili.

  • Cultura in generale - "puoi descrivere una giornata di lavoro?", "quali sono le tue aspettative per # ore alla settimana?", "quali sono le tue aspettative di formazione? - Queste domande potrebbero rivelare alcune delle altre sorprese che il vostro amico ha incontrato.

Non li colpirete tutti, c'è sempre qualcosa di più da scoprire - e nessuno è in grado di descrivere al 100% l'esperienza lavorativa - anche in un colloquio di un'intera giornata. Ma dovreste essere in grado di escludere abbastanza condizioni "no, non accetterei mai questo lavoro" da poter essere abbastanza sicuri che un colloquio di un'intera giornata non farà perdere tempo a nessuno.

All'Intervista

Date un feedback. Sembra che, dato lo shock degli intervistatori, siano rimasti totalmente sorpresi dal fatto che il candidato fosse diventato progressivamente disincantato dalla posizione. Si è sempre tentati di nascondere lo sgomento che si prova quando si sta affrontando un colloquio - dopo tutto, nessuno vuole sembrare negativo. Ma molti di questi casi potrebbero essere motivo di una risposta onesta e preoccupata che potrebbe portare a una conversazione utile. Per esempio:

Candidato - "stai codificando il tuo MVC? Sembra sia costoso che rischioso - quali sono le sue ragioni?"

A questo punto, il team potrebbe avere delle ottime ragioni. Potrebbe finire per essere una fantastica discussione in cui il candidato sa cose che il team non sa e finisce per salvarlo da una decisione sbagliata con qualche buona informazione.

Ma c'è anche il fatto che lungo la strada il candidato può e dovrebbe dare un certo livello di feedback. Poi, se c'è un punto in cui ci sono troppi negativi, il candidato può sommarli e dire "Mi dispiace, ma questo non è proprio quello che voglio".

Dagli un colpo per cambiare la tua mente

Qualsiasi situazione come questa è una strada a doppio senso. Di certo non ti intrappoleranno nell'edificio e non ti costringeranno a continuare l'intervista. Ma alzarsi e andarsene senza chiedersi: "Non vedi l'utilità di continuare?" sarebbe un modo più educato di procedere. Forse c'erano altre opportunità di lavoro nello stesso istituto, forse sono disposti a cedere su alcuni punti, forse ci sono stati dei malintesi - non c'è modo di sapere nulla di tutto questo se ti arrendi e te ne vai.

61
37
2012-08-28 17:14:24 +0000

Una volta che sapete per certo che non accettereste la posizione se vi venisse offerta, è meglio ringraziare (educatamente) l'intervistatore o gli intervistatori per il tempo trascorso finora e spiegare che non desiderate più continuare il processo. Gli intervistatori potrebbero trovare sorprendente o scomodo che non vogliate continuare, ma in ultima analisi dovrebbero apprezzare il fatto che non continuerete a fargli perdere tempo a intervistare qualcuno che non vuole nemmeno il lavoro.

Una reazione come quella da voi descritta in questa domanda non è professionale.

Gli intervistatori sembrano aver dimenticato che questo non è un processo a senso unico. Non hanno un qualche Santo Graal di cui il candidato ha assolutamente bisogno e per cui farebbe qualsiasi cosa. Hanno un bisogno - altrimenti non si preoccuperebbero di intervistare nessuno. Ogni candidato che entra da quella porta potrebbe avere bisogno di un lavoro, o potrebbe semplicemente cercare un'opportunità migliore del suo attuale lavoro. Anche gli intervistatori e la loro azienda vengono valutati, non solo il candidato.

Che tipo di reazione pensa che avrebbero avuto nei confronti di un potenziale candidato che si comportasse in modo ostile quando ha rifiutato di offrire al candidato una posizione? Sono sicuro che lo troverebbero inaccettabile.

37
30
2012-08-28 17:23:11 +0000

Questo comportamento è considerato intrinsecamente scortese da parte dell'intervistato?

Assolutamente sì.

Posso scusarlo un po' per la lunghezza dell'intervista (che di per sé avrebbe dovuto essere una bandiera rossa), ma sembra che il tuo amico sia stato un po' brusco nel ridurre l'intervista.

Un semplice "Guarda, ti ringrazio per il tuo tempo e il tuo interesse, ma non sono sicuro di voler lavorare in questo tipo di ambiente. Sono sicuro che ha altre cose da fare e le auguro buona fortuna per la sua ricerca", che previene alcune delle reazioni negative.

Se l'intervista è durata un'ora o due, basta sventrarla; le impressioni possono essere sbagliate e non vale la reputazione colpita per rischiare l'affronto.

30
28
2012-08-28 19:54:24 +0000

In base alla sua descrizione dell'evento, direi che il suo amico l'ha gestito in modo professionale. Se è chiaro che non sarebbe stato un buon partito per la squadra, perché avrebbe voluto sprecare il resto del tempo della squadra?

Il fatto che la squadra sembrasse reagire in modo ostile alla sua decisione mi sembra indicare che questo è un motivo in più per cui il tuo amico aveva ragione, in quanto non sarebbe stato un buon partito.

La mia intuizione è che si trattasse di una cosa meno culturale in generale e più di una differenza di età. Ho scoperto che c'è un mondo di differenze tra un gruppo di sviluppatori di circa 20-35 anni e un gruppo di più di 35 anni.

Ho fatto un colloquio in un posto che assumeva LOTTI di giovani. Tutti indossavano felpe con cappuccio, tutti avevano un animale domestico, birra gratis il venerdì, questo tipo di cose.

Anch'io mi sono reso conto che non era più il posto per me e sono rimasti sorpresi quando ho passato l'offerta e sono tornato più di una volta cercando di attirarmi. Era evidente che tutti i giovani che assumono, hanno perso di vista il fatto che alcune persone con esperienza si preoccupano di cose come le vacanze... o il fatto di poter lasciare l'ufficio entro le 17.00. ;)

Non mi dispiace certo che i giovani entusiasti che passano tutto il giorno a slinguazzare codici e poi lo fanno la sera solo per divertimento, ma questa è sicuramente una cultura che ti stancherà nel tempo.

28
22
2012-08-28 20:09:38 +0000

In linea di principio non c'è niente di male a lasciare un colloquio a metà strada se si è sicuri di non essere adatti. In ogni caso dovreste farlo in una pausa e con discrezione. La descrizione non suona così, ma la realtà potrebbe essere diversa.

Tuttavia era davvero sicuro che non si sarebbe inserito? La mia opinione personale è che sia saltato alle conclusioni. Mi vengono in mente una serie di scenari che potrebbero avergli fatto cambiare idea:

  • Solo perché la gente chiede dei progetti collaterali e della programmazione non significa che siano gli unici criteri presi in considerazione. Forse le prime due ore sarebbero state tutte sulla programmazione, e le successive su altri aspetti.
  • Solo perché c'è una cultura dominante (jeans e sandali) non significa che sia l'unica cultura accettabile. Forse l'azienda sarebbe stata molto contenta che lui venisse a lavorare ogni giorno in abito.
  • Il colloquio di gruppo potrebbe non aver avuto così tanto peso come pensava. Una volta sono stato intervistato da un'azienda dove ho avuto un'ora di stupidi puzzle logici e curiosità sulla programmazione da parte di sviluppatori quindici anni più giovani di me. Ma in realtà il CEO non gli prestava alcuna attenzione - voleva solo che avessero l'esperienza del colloquio e mi ha assunto comunque. (Ma ha avuto la decenza di avvertirmi prima).
  • Potrebbe esserci un'agenda nascosta. Un senior manager può rendersi conto di avere un team giovane e inesperto e vuole una persona più anziana e saggia (come te) per portare un po' di equilibrio. Potrebbe anche sperare che voi possiate cambiare la cultura. Si lascia intervistare dalla "folla" solo per non sentirsi tagliati fuori. Ti avrebbe assunto nonostante le loro lamentele sul fatto che "non segui la procedura dogmatica" - ma non ti assumerà se te ne vai.

Come minimo raccomanderei di parlare con uno dei ragazzi più anziani prima di andarsene.

22
20
2012-08-29 15:31:24 +0000

Non giudicare la professionalità in base al look

Ma partiamo dall'inizio. Sono stato e intervistatore dall'altra parte, lavorando per una società di social networking dove qualcuno avrebbe avuto una prima impressione simile a quella del tuo amico. Anche in questo caso, l'aspetto può essere fuorviante. C'erano un bel po' di persone oltre i 30 anni, e anche alcune oltre i 40. Io ho 36 anni, ma il tuo amico probabilmente mi classificherebbe come "ventenne che indossa jeans e scarpe da ginnastica". Solo perché non si vestono come i residenti delle case di riposo non significa che abbiano 20 anni. Ma sto divagando...

Comunque, in alcune occasioni ho intervistato persone con "background professionali" in banche o grandi aziende (non software), il che significava tonnellate di certificati con sovraccarico di parole chiave, presunta esperienza in ambiente aziendale, conoscenza "profonda" di J2EE e qualche DB intraprendente (Oracle, DB/2, Sybase). Durante il colloquio è risultato che i candidati:

  • conoscevano un solo algoritmo di ordinamento - bubble sorting;
  • avendo certificati aziendali per Oracle DB, non potevano scrivere a mano la più semplice query di join a sinistra;
  • non potevano scrivere una sola riga di codice senza IDE;
  • a cui è stato chiesto di nominare le differenze significative tra C e Java, poteva solo dire che bisognava usare una prospettiva diversa in Eclipse;
  • e la lista va avanti all'infinito. ...

In altre parole, proprio come descritto da Jeff Atwood 5 anni fa in "Why Can't Programmers... Program?" . (Non fraintendetemi, non sto dicendo che il caso del vostro amico. Infatti, se ce l'ha fatta con la prima serie di interviste, probabilmente non lo è stato). La domanda è: queste persone sono dei veri professionisti? Indossavano tutti dei completi per il colloquio.

Divergenze culturali

Il tuo amico ha probabilmente ragione nel supporre che non sarebbe stato adatto. Ci sono chiaramente due poli nello sviluppo di software. Da un lato avete società di consulenza come Accenture o IBM, con le loro metodologie a cascata, con cicli di sviluppo calcolati in anni, con COBOL e J2EE. E naturalmente con i completi scuri, le camicie bianche e le cravatte blu. Oltre l'80% del tempo dedicato alle riunioni e al lavoro sui documenti di design, e meno del 20% al lavoro con il codice.

Dall'altra parte ci sono aziende come Google, Facebook e gazillion startup, dove la cultura generale è quella degli hacker . Invece di waterfall si hanno vari tipi di Agile; i cicli di sviluppo si contano in settimane, l'80%+% del tempo è speso a lavorare con il codice vero e proprio, ecc. Questo è il mondo dei linguaggi dinamici, NoSQL, alta scalabilità ecc. E sì, jeans, magliette e scarpe da ginnastica (scusate, non ho visto così tanti dev che indossavano sandali). E ciò che è importante, gli incontri e le interviste sono percepiti come un disturbo, che ti porta via dalla codifica e dalla risoluzione dei problemi.

Penso davvero è sbagliato chiamare uno dei due sopra citati non professionali.

E sì, la grande azienda ha un feticcio per i certificati, mentre gli hacker hanno un feticcio per i progetti collaterali. In nessuno dei due casi sono richiesti. Ho lavorato nel settore delle banche d'investimento, non avendo nessun certificato oltre al mio M.Sc. in Informatica. Ho lavorato nei social network senza avere progetti collaterali significativi.

** Quindi ad rem, è scortese...**

In generale, direi che non lo è. Al contrario, sarebbe scortese sprecare il tempo degli intervistatori sapendo che non sei interessato. Sembra più che altro che il problema in quel caso particolare sia stato come è stato comunicato. Da quello che lei descrive, è stato più che altro uno sfogo pubblico senza una chiara motivazione (fino a quando non è stato affrontato). Cosa sarebbe professionale, sarebbe dare voce a queste preoccupazioni agli intervistatori durante l'intervista, magari alla fine del primo turno.

Perché la gente dovrebbe essere arrabbiata per questo? Beh, potrebbe essere lo shock dell'ego, come suggerisce Karl. Ma sospetto che sia più rabbia per aver fatto perdere tempo agli intervistatori. Il suo amico probabilmente sapeva che non si sarebbe adattato molto presto, eppure ha continuato. Il che significa che ha sprecato tempo non solo con le persone che lo hanno intervistato, ma anche con quelle che lo avrebbero intervistato più tardi (hanno dovuto cambiare il loro programma regolare, leggere il suo CV, ecc.)

20
19
2012-08-28 21:09:57 +0000

Mettila in prospettiva. Il tuo amico ha fatto domanda per questo lavoro. Ha chiesto un colloquio. Hanno accettato. Hanno trovato il tempo per questo processo apparentemente lungo in cui determinano se è adatto a loro. Nel bel mezzo di questo, si alza in piedi, annuncia che il colloquio è finito e chiede di andarsene. Questa è la loro linea. In sostanza, ha semplicemente ribaltato l'intero processo di intervista e li ha rifiutati, mettendoli dal "lato sbagliato" del banco degli interrogatori. Loro dovrebbero essere il "dentro" della folla e lui è l'"outsider"; dovrebbero rifiutare a loro discrezione. Non sto dicendo che questo sia il modo giusto per un potenziale datore di lavoro di pensare al processo, ma sto dicendo che questo è probabilmente il modo in cui lo stavano pensando.

Personalmente, sono d'accordo sul fatto che i colloqui sono a doppio senso; i dipendenti dovrebbero fare bella figura con i datori di lavoro, ma lo stesso vale al contrario. Anche questo potrebbe essere stato un fattore che ha contribuito. Gli intervistatori potrebbero aver fatto di tutto per mostrare al vostro amico cosa gli piaceva lavorare lì. I Devs indossano quello che vogliono, lavorando in un grande spazio aperto, invece di essere sepolti in cubi dietro a schedari, le persone che si mettono alla prova al di fuori del loro lavoro.

In breve, l'ambiente ideale di "programmazione al di fuori del cubo", di cui (secondo loro) qualsiasi programmatore salterebbe per farne parte. Il vostro amico ha rifiutato tutto questo. Se fossi ancora un programmatore ventenne in un ambiente informale come quello, sarei scioccato e costernato anch'io; potrebbe anche apparire come un rifiuto del mio stile di vita da giovane programmatore.

19
18
2012-09-02 04:16:31 +0000

**Chiunque non sia d'accordo (o, peggio, cerchi di interpolare qualcosa nella descrizione dei tuoi amici che ricordano gli eventi) è un idiota che esemplifica il motivo per cui così tante aziende non riescono a trovare candidati qualificati.

Come ha detto Karl Bielefeldt, nella sua risposta più votata, "un colloquio va in due modi". La maggior parte dei datori di lavoro, non appena perde interesse per un candidato, non vede alcuna ragione per non chiudere il processo in modo rapido (spesso brusco). Ma reagiscono violentemente se il candidato raggiunge per primo la decisione. Non è altro che ciò che gli psicologi chiamano "lesione narcisistica" - sono arrabbiati per aver sentito dire che non sono desiderati.

Chiunque pensi che la maleducazione che quasi sempre segue abbia a che fare con le condizioni dell'industria tecnologica moderna dovrebbe conoscere "Mildred Pierce" (o il romanzo del 1941 o la produzione HBO del 2011). Come dice uno dei personaggi nella stessa situazione, "Il intervistatore conclude l'intervista, Mildred."

Ci sono tre situazioni in cui una partenza anticipata è inopportuna (anche se, in base alla descrizione degli eventi, nessuna si applica):

  1. 1. "Il datore di lavoro ha pagato il trasporto del candidato al colloquio. 2. "Se hanno acquistato un pubblico (soprattutto con cena e albergo), siete obbligati a vedere l'intero spettacolo del cane e del pony fino al suo completamento. Il colloquio è stato organizzato da un reclutatore. A meno che i due silos non abbiano culture molto diverse e non si detestino a vicenda, questo tipo di evento avvelena il pozzo dell'impresa.

Il candidato deve spiegare perché? Secondo me, è inutile. Quando qualcuno annuncia di non volere il lavoro, ha già inviato decine di segnali discreti (o non verbali) che sono stati ignorati. In genere l'intervistatore ha:

  • Posto una o più domande inappropriate o fatto dichiarazioni offensive
  • Denigrato risultati o caratteristiche di cui il candidato è orgoglioso
  • Presentato un processo o un ambiente di lavoro che il candidato trova sgradevole
  • Chiarito che il candidato sarà obbligato a svolgere compiti che non gli piacciono

Un datore di lavoro che ha fatto questo - e anche non si è reso conto di quanto male è stato ricevuto - è improbabile che cambi dopo poche parole di spiegazione. In genere questa mancanza di conoscenza è dovuta all'orgoglio mal riposto nella loro "cultura unica" (che troppo spesso è identica al comportamento rumoroso che si trova negli spogliatoi o nei cantieri).

Ma se l'interlocutore o gli interlocutori possono controllare le loro emozioni abbastanza da chiederlo gentilmente, il candidato è obbligato a spiegare nel miglior modo possibile. Se sentono la stessa cosa abbastanza spesso, l'azienda potrebbe alla fine individuare le opportunità di miglioramento. Qualsiasi maleducazione, tuttavia, pone fine a tale obbligo all'istante.

18
13
2012-08-29 18:17:48 +0000

Questo comportamento è considerato intrinsecamente scortese da parte dell'intervistato? _002

N. Determinare se l'adattamento funzionerà in entrambi i modi fa parte del processo di intervista. Avrei detto più che altro: "Beh, non funzionerà per nessuno di noi due, quindi smettiamola di sprecare il nostro tempo e facciamola finita". Il tempo è la cosa più preziosa che abbiamo. Nessuno ha più ore in un giorno della persona successiva - tutti noi abbiamo le stesse 24 ore al giorno. Sprecare il tempo di un'altra persona non è una cosa educata da fare. È un attacco alla loro vita da parte di chi nega il servizio.

Alcune persone sono più inclini a comandare, ed è possibile che si siano arrabbiate per il fatto che un soggetto insignificante abbia rifiutato King Manager. Sconvolgere il rituale di dominio di qualcuno di solito porta a lotte nel cortile della scuola o nel ghetto. Li vedrete anche giocare come "non puoi licenziarti, sei licenziato" con "non puoi licenziarmi, mi licenzio io" che viene gridato in giro.

E' stato criticato perché ha sbagliato a non seguire i principi molto dogmatici alla lettera della legge. Era anche preoccupato del fatto che a nessuno sembrasse importare molto della sua esperienza di business e lo giudicava intensamente solo in base alle sue capacità di programmazione, che considerava solo un aspetto della sua esperienza di sviluppo software. Era un piano aperto dove tutti indossavano jeans, magliette e sandali.

A me questo suona come un nonnismo. A volte succede nei colloqui, ma di solito in ambienti molto stressanti - come le società di consulenza per le scarpe bianche e i dipartimenti di polizia.

Sembra anche un approccio miope che ho visto da alcune start-up: "abbiamo un uomo d'affari, ora ci serve solo un po' di codifica a testa in giù"

un ragazzo che taglia il toro

Potresti voler rianalizzare questo. Questo è il tipo di descrizione data a persone maleducate e insensibili. Il risultato diverso tra quello che è successo a te e al tuo amico può essere stato semplice come la formulazione del rifiuto.

13
12
2012-08-29 14:24:46 +0000

Ho fatto molte interviste nel corso degli anni e francamente sono contento quando qualcuno decide di non essere interessato anche se lo fa in modo maleducato. Ora so di non sprecare più il mio tempo prezioso per qualcuno che non accetterà mai l'offerta. Preferisco di gran lunga vedere questo piuttosto che la persona disperata che chiaramente non può fare il lavoro o non si adatta a chi ti infastidisce ogni giorno chiedendoti il lavoro anche dopo che gli è stato detto che non era in considerazione.

Se il colloquio è tutto il giorno (il che francamente è scortese per cominciare, se non sei Google che fa arrivare gente da tutto il paese, allora non pianificare colloqui come questo), certamente è inaccettabile aspettarsi che le persone continuino per ore se hanno preso una decisione. Se l'intervista è di un'ora, probabilmente è più facile finire e andarsene in modo educato. Altrimenti, aspettate fino a una pausa naturale e dite loro onestamente che non vi sentite a vostro agio nel loro posto di lavoro e che non siete più interessati al lavoro e non sprecherete ulteriormente il loro tempo.

A mio avviso la vera domanda è: "Dovrebbe importarvi se sono arrabbiati? Se sono un piccolo posto con poca influenza nel mercato locale, probabilmente non lo sono. Molto probabilmente non vi interesserà nessuno dei lavori che i loro amici potrebbero avere per le stesse ragioni culturali, quindi non è un grosso problema se vi dissanguano con i loro amici. Tuttavia, un importante datore di lavoro locale (o uno che recluta a livello nazionale) può danneggiare le vostre prospettive future. Credo però che questi siano molto meno suscettibili di essere offesi quando te ne vai (a meno che tu non sia veramente cattivo al riguardo), perché hanno cose molto più importanti di cui preoccuparsi di un colloquio fallito. Le aziende più grandi sono più orientate al business e capiscono che una cattiva vestibilità è costosa e questo non significa che la persona non possa essere un buon dipendente da qualche altra parte. Le giovani aziende con giovani manager potrebbero non aver ancora imparato questa lezione.

Tuttavia, il fatto che la probabilità che il loro turbamento sia improbabile che vi causi effettivamente un danno futuro non è una licenza per essere scortesi. Andarsene non è scortese, andarsene male lo è.

12
7
2012-08-28 18:51:22 +0000

"Dipende. Immagina di essere un membro della squadra seduto dall'altra parte di quel tavolo. Ora, onestamente, diciamo che non avresti trovato strano o del tutto scortese che qualcuno abbia semplicemente tagliato la corda e sia scappato a metà di una conversazione. Una cosa che la maggior parte delle persone non si rende conto delle interviste è che difficilmente ci si aspetta che tu ottenga tutte le risposte giuste in ogni situazione. A volte, la tua reazione a certi stimoli IS l'intervista. E questo, quello che il suo amico ha fatto proprio lì non è una reazione desiderata.

7
4
2012-08-29 07:22:38 +0000

Anche con le scuse gentili e gentili, uscire presto è molto probabilmente interpretato come un comportamento maleducato o arrogante.

Anche se il colloquio è un disastro totale - sembri un idiota, ti sei fatto prendere da una bugia, qualunque essa sia - è un'opportunità per te di affrontare le tue peggiori paure da colloquio di lavoro e imparare come affrontarle, o ora non affrontarle. Provate a blaterare su qualcosa che sperate non vi venga mai chiesto durante un colloquio di lavoro: i due anni vuoti sul vostro curriculum quando eravate in carcere; come siete stati licenziati da un lavoro precedente per molestie sessuali; i vostri 13 anni di università che non hanno portato a una laurea, ecc.

Per quanto riguarda il paragrafo precedente, penso che sia sempre importante enumerare le vostre paure al colloquio di lavoro, in particolare le domande che sperate non vi vengano poste, e scrivere come gestirete ogni voce se dovesse venire fuori. Memorizzate le risposte in modo da averle a portata di mano.

Altre cose da considerare sono, forse una delle persone che vi faranno il colloquio di lavoro riapparirà in un colloquio di lavoro o come collega tra 5 anni: "Aspetta, ho già visto questo ragazzo prima d'ora. Si è tirato indietro e all'improvviso è uscito da un colloquio di lavoro l'ultima volta che l'ho visto"; forse una delle persone che ti intervisteranno si renderà conto che saresti perfetto per il nuovo, non annunciato, ma non ancora finanziato, Direttore del Dipartimento delle Cose Fantastiche, in arrivo al prossimo trimestre fiscale; forse il colloquio è andato male perché la persona più anziana o dominante del colloquio è un idiota a cui piace umiliare i candidati al lavoro - se riesci a fare un passo indietro emotivamente, la tua grazia rilassata sotto il fuoco del fuoco potrebbe fare un'impressione duratura sulle altre persone del colloquio.

Spero che queste idee aiutino voi, e gli altri, a essere pronti con un piano se e quando vi ritroverete in un colloquio senza speranza o straziante. E buona fortuna per trovare un lavoro. Ricordate che, indipendentemente dal numero di colloqui che farete, avrete bisogno solo di un lavoro.

4
3
2012-08-28 20:21:21 +0000

Il mondo della programmazione è un mondo piccolo. Date le reazioni suscitate dalle partenze descritte, direi che è stata fatta la scelta sbagliata, o che la decisione non è stata presa con sufficiente tatto. Penso che la migliore linea d'azione, se si scopre che si tratta di pratiche promulgatorie con cui si sa di non poter lavorare, sia quella di coinvolgerli educatamente sull'argomento, generalmente sulla falsariga di "Capisco, ho sempre sentito dire che la pratica X porta a Y, che a volte può essere una sfida. Hai trovato che questo sia vero? Come lo affrontate?". In ogni caso si presume che tu abbia già pianificato di passarci del tempo, quindi se le tue domande non li spingono a concludere il colloquio in anticipo, manda giù il rospo e assicurati che desiderino che tu abbia accettato la loro offerta. È sempre bene ricevere un'offerta anche se non la si accetta. Potreste incontrarli in un colloquio per un'altra società un anno dopo. In alternativa, potreste finire per intervistarli quando le loro orribili pratiche li raggiungono e tutti hanno bisogno (o vogliono) un lavoro da voi :).

3
0
2016-12-23 17:36:30 +0000

Questo comportamento è considerato intrinsecamente scortese da parte dell'intervistato?

Sì, molto. Prenderei in considerazione l'idea di uscire da un colloquio in questo modo solo se fossi stato inequivocabilmente insultato o fuorviato di proposito. Come intervistatore, sarei sconvolto se ne fossi testimone (perché faccio del mio meglio per non insultare gli intervistati).

Per capire perché è così scortese, trasponi l'interazione in una situazione sociale diversa: se uno sconosciuto ti raccontasse una storia noiosa a una festa, ti alzeresti in piedi, annunceresti "Questa storia è noiosa e non è adatta ai miei interessi" e ti allontaneresti da loro? E, cosa ancora più importante, non ti arrabbieresti se condividessi con passione le storie del tuo adorabile cocker spaniel e qualcuno si comportasse in questo modo nei tuoi confronti?

È stato criticato perché ha sbagliato a non seguire alla lettera i principi molto dogmatici della legge. Era anche preoccupato del fatto che a nessuno sembrasse importare molto della sua esperienza di business e lo giudicava intensamente solo in base alle sue capacità di programmazione, che considerava solo un aspetto della sua esperienza di sviluppo software.

Sembra che il tuo amico si sia messo sulla difensiva. Il tuo amico e gli intervistatori possono avere punti di vista diversi sul ruolo di un ingegnere... e va bene. Se vuole il lavoro nonostante questa differenza filosofica, spetta a lui convincere l'azienda ad accettare il suo punto di vista. Arrabbiarsi perché qualcuno non vuole comprare il tuo prodotto è una pessima tattica di vendita! Prendete il feedback con grazia e consideratelo in seguito. Forse le sue capacità di codifica si sono un po' atrofizzate? Succede! Forse questo non è il suo stack tecnologico primario? È comprensibile! Se si sta candidando per ruoli che danno un'alta priorità alle capacità di codifica, può avere senso rispolverare la sua pratica di codifica prima della prossima tornata di interviste.

Ha chiesto gentilmente dove fosse l'ascensore, a quel punto qualcuno gli ha risposto in modo piuttosto duro. Poteva sentire un'improvvisa ostilità da parte di tutti nella stanza in quel momento.

Alcune domande sono maleducate, non importa quanto le si indori di zucchero. Le persone nella stanza reagivano al contenuto e alle implicazioni dell'indagine, non al fraseggio. "Se non vi dispiace, gentilmente *&#@$&* !!&^& #@ a #$#@$@. Grazie mille" è sempre "*&#@$&* !!&^& #@ a #$#@$@" anche se sorridete.

Sono confuso da questo perché un po' di tempo fa anch'io avevo lasciato un'intervista in anticipo quando ero certo che non mi sarei trovato bene e gli intervistatori si comportavano più o meno come ha descritto il mio amico, incredulo e ostile.

Mi sono sentito come se avessi incontrato l'ostilità in un'intervista solo una volta. Mi è stata data una versione giocattolo di un problema che un'azienda aveva risolto in produzione dall'ingegnere che lo aveva risolto. Quando l'ho lavata con la lavagna bianca, ha risposto con "Sì, è corretto, ma è subottimale" con un'enfasi e un tono che mi ha fatto ribollire il sangue. Per fortuna sono stato in grado di riconoscere che avere questo con lui era subottimale e ho tenuto per me la mia indignazione. Alla fine della seduta, quando mi ha chiesto se avevo domande da fargli (e avevo avuto il tempo di rinfrescarmi), gli ho chiesto come aveva risolto il problema nella vita reale. Alla fine è diventata un'interazione positiva, ho imparato qualcosa e alla fine mi è stato offerto il lavoro.

Come puoi (o altri che si presentano su questa domanda) evitare questo in futuro?

  • Quando si programma il colloquio, fissa un orario di fine difficile così come un orario di inizio. Se siete sicuri che la società non fa per voi, ma il colloquio terminerà comunque tra 30 minuti, sapete esattamente quando potrete fare la vostra pausa senza ferire i sentimenti.

  • Se avete trascurato il punto n. 1 e sapete tutto quello che dovete sapere e volete mollare, una piccola bugia bianca può evitare molti attriti sociali. Invece di andartene bruscamente, prova a dire: "Ehi ragazzi, scusate se ve ne parlo adesso, ma non mi aspettavo che saremmo andati così tardi e devo andarmene per "tutto" entro l'ora. C'è qualcos'altro di cui vorresti occuparti?".

0
0
2012-08-29 13:26:54 +0000

Sono nel campo dell'informatica da oltre 20 anni, sono stato un appaltatore per il Nord Est degli Stati Uniti per quasi altrettanto tempo. In questo periodo ho probabilmente partecipato a più di 100 colloqui, e ho ottenuto più di 40 lavori in appalto. Non è glorioso, ma ho visto ogni forma di colloquio che sembra esserci.

Detto questo, ho letto la domanda, e dirò che ci sono molteplici cose che non sono state dichiarate, ma devo dire di tutto quello che ho visto, ci sono stati errori da entrambe le parti, se il tuo amico non ha pensato a quello che hai scritto ma ha detto invece. Dire dogmatico o in qualche modo in una riunione è normalmente un cambiamento di gioco e non per il meglio.

Se hanno detto anche loro quello che ha detto l'OP, sono d'accordo, male su di loro... ma questo può anche essere stato più di una cosa tra le righe che ha visto anche l'intervistato. Il che è utile, ma se entrambe le parti non ce l'hanno, c'è uno stato imbarazzante e l'una o l'altra dovrà spezzare il cuore o l'ego dell'altra.

Il tuo amico, però, secondo me, ha fatto la cosa giusta invece di far perdere tempo alla gente. Mi sono trovato in situazioni simili in passato e ho fatto la stessa cosa. L'ho fatto educatamente, però. Sì, di solito ci sono sentimenti feriti, ma a volte dipende anche dalla situazione.

Sono stato intervistato da persone ostili, aggressive e che mi hanno lasciato il controllo dell'intervista. In realtà ho lasciato un colloquio sentendomi come se fossi il maledetto proprietario dell'azienda, invece di essere intervistato per i lavori di livello più basso dell'epoca.

L'unica cosa che mi dà fastidio è che le persone giovani (tra i 20 e i 30 anni) fanno parte di una "Generazione ME", oltre che della "Generazione Perché". In molti casi le cose sono state date loro su un piatto d'argento. Hanno detto di poter fare qualsiasi cosa, e in molti casi hanno dimostrato di non poterlo fare... ma quelli che lo fanno, e le startup a volte hanno la stessa mentalità generazionale. Ora sentono di essere nella sede del potere, possono gestirlo come si sentono, come si sentono, e ne trarranno il massimo beneficio.

Quando sei stato intervistato da persone come queste, ti rendi conto che l'ambiente non funzionerà bene per te se sei più vicino ai 40 che ai 30 come me, ti renderai conto che in molti casi l'atteggiamento del management che vuole un ambiente di roaming gratuito non è fatto per te. Anche se stanno cercando di farvi entrare, deve rendersi conto del divario generazionale. Le persone della mia generazione, quelle che si trovano tra i boomer e i gen-exer tendono ad apprezzare un formato più uniforme.

Ci stanno lasciando indietro per la generazione della gratificazione istantanea.

Quello che è successo al tuo amico non è più o meno un brutto colloquio, un brutto accoppiamento all'inizio. La gente deve prendere in considerazione non solo il fatto che ora ci sono persone più anziane che lavorano, dove il capo può avere dai 10 ai 15 anni in meno di te, ma la tua esperienza lo spoglia, e questa è anche un'altra situazione scomoda.

Quando dici alla persona che sta facendo il colloquio che la misura non c'è e che puoi vederla, anche se loro non possono? A volte si può essere tanto gentili quanto lo si può essere, ma si offenderanno comunque. A volte è meglio imparare la lezione più difficile.

Ciò che avrebbe dovuto essere preso in considerazione prima ancora di fare il saluto a questa persona è la sua esperienza precedente. Dove hanno lavorato? Lavoravano per Apple o per HP? In quale dei due è durato più a lungo? Sono andati in un'università come Harvard, o sono andati in un community college e sono andati a lavorare ad Harvard? Questo vi dirà in modo significativo se la persona si allena.

Anche in questo caso, l'esperienza passata dice molto di una persona. Se volete che tutti siano amici sul posto di lavoro, non scegliete qualcuno che è stato sul campo più a lungo di quanto non abbiate finito i pannolini. Non scegliete qualcuno che ha avuto un'esperienza nell'ambiente aziendale e che si aspetta di essere pronto per l'ambiente Google.

Probabilmente avrei fatto la stessa cosa, ma probabilmente avrei chiesto loro se avrebbero pensato di assumermi come consulente, o come lavoratore a distanza. Suggerire cose del genere può aver permesso all'opportunità di lavoro di non andare a vuoto.

I posti di lavoro sono pochi e molto distanti oggi. La cosa migliore da fare è non sprecare il tempo dell'altro per un'opportunità che non ci sarà più dopo il colloquio.

0