Posto di lavoro
2017-06-27 11:39:31 +0000 2017-06-27 11:39:31 +0000
904

Non è etico per me non dire al mio datore di lavoro che ho automatizzato il mio lavoro?

Attualmente lavoro su un sistema ereditato per un'azienda. Il sistema è davvero vecchio - e anche se sono stato assunto come programmatore, il mio lavoro è praticamente glorificato per l'inserimento dei dati. Per riassumere, ricevo una serie di requisiti, che sono letteralmente solo un sacco di dati per ogni mese su fogli di calcolo e devo configurare il sistema per farlo funzionare, che in pratica è solo scrivere un mucchio di script SQL.

Non è così semplice, perché chi ha scritto il sistema in origine lo ha scritto davvero al contrario, e infatti gli analisti che creano i fogli di calcolo in realtà passano un bel po' di tempo a verificare il mio lavoro perché il processo è talmente noioso che è facile fare un errore.

Come potete immaginare, è praticamente il lavoro più noioso di sempre. Tuttavia, è un lavoro a tempo pieno con una paga decente, e io lavoro a distanza in modo da poter stare a casa con mio figlio.

Quindi lo faccio da circa 18 mesi e in questo tempo, ho praticamente capito tutte le trappole al punto che ho scritto un programma che negli ultimi 6 mesi ha fatto tutto per me. Quindi cosa ci metteva l'ultimo tizio come un mese, ora ci vogliono forse 10 minuti per pulire il foglio di calcolo ed eseguirlo attraverso il programma.

Ora il problema è: glielo dico? Se glielo dico, probabilmente prenderanno il programma e si sbarazzeranno di me. Non è come un'azienda con un sacco di lavoro informatico: hanno un sistema legacy in cui conservano tutti i dati dei loro clienti da sempre, e hanno solo bisogno di qualcuno che li mantenga. Allo stesso tempo, non mi sembra di fare la cosa giusta. Voglio dire, in questo momento, una volta ricevute le specifiche, le eseguo attraverso il mio programma - poi ogni settimana circa, dico loro che ho completato una parte di esso e li convinco a testarlo. Inserisco anche qualche bug qua e là per far sembrare che sia stato generato da un essere umano.

Potrebbero esserci delle modifiche alle specifiche e alle corrispondenti email, ma nel complesso, passo probabilmente 1-2 ore a settimana sul mio lavoro, per il quale ricevo uno stipendio a tempo pieno.

Mi piace molto il tempo libero, ma non sarebbe etico continuare con questo accordo senza menzionare nulla? Non è che sto imbrogliando l'azienda. L'azienda non ha mai dichiarato di essere insoddisfatta delle mie prestazioni e, di fatto, sta ottenendo esattamente quello che vuole da me.

Risposte [28]

379
2017-06-27 12:26:46 +0000

Non è etico per me non dire al mio datore di lavoro che ho automatizzato il mio lavoro?

Un buon podcast che ascolto Everyday Ethics ) dice questo sull'etica: "La differenza tra ciò che hai il diritto di fare e ciò che è giusto fare. "

  • Passi 1-2 ore alla settimana lavorando da casa (per stare con tuo figlio), ma vieni pagato per 40
  • Hai scritto il programma 6 mesi fa ma non l'hai ancora detto al tuo datore di lavoro
  • Ogni settimana o giù di lì menti su quello che hai completato
  • Hai deliberatamente inserito dei bug nel tuo programma per aiutare il tuo inganno
  • Continui a far sì che gli analisti che creano i fogli di calcolo passino un bel po' di tempo a verificare il tuo lavoro
  • Ammetti che "non mi sembra di fare la cosa giusta"

Anche se la risposta mi sembra ovvia, forse la vostra etica personale vi porta a concludere che questo va bene. Sospetto che lei conosca la verità, però, e forse questo è più simile a un humblebrag che a qualsiasi altra cosa. Un modo per verificare questo è chiedersi se saresti orgoglioso di far sapere agli altri (compreso il tuo datore di lavoro) quello che hai fatto.

Non è come se stessi imbrogliando la società

Non è così?

Ok, allora dovresti semplicemente dire alla società quello che hai fatto e vedere se è d'accordo. Se hai ragione, non si sentiranno imbrogliati, diranno: "Ottimo lavoro! Continua" e continuerà a darti 40 ore di stipendio per 2 ore di lavoro.

Molti anni fa, in un corso di Business Ethics del college, ci è stato insegnato a immaginare scenari specifici e personali quando esploriamo l'etica di un'azione proposta. Nel vostro caso, considerate: "È questo il tipo di esempio che vuole dare a suo figlio? (per gli altri: "Come reagirebbe tua madre se leggesse delle tue azioni sulla prima pagina del giornale?)

379
300
2017-06-27 13:28:01 +0000

Ecco come arrivare da dove siete ora,

a,

un posto migliore.

Ecco la lingua specifica di cui avete bisogno:

Ehi ragazzi, buone notizie. Mentre inserivo i dati negli ultimi 18 mesi - e questo è stato fantastico, grazie - mi chiedevo se non ci fosse un modo migliore. {OK, questo è letteralmente vero.} Non sono sicuro se vi rendete conto, in realtà sono una mano abbastanza dabbastanza dabbasso con Excel / Python / codice macchina. Recentemente {nota - non è una bugia} nei weekend e così via {di nuovo - non è una bugia} Ho armeggiato con un sistema, ed è un ottimo inizio! {Non è in realtà falso} E' un incredibile risparmio di tempo - guardate la schermata qui sotto. {Aggiungi uno screenshot irrilevante, nessuno lo guarderà comunque.} Con un po' più di lavoro, credo di poter ridurre il tempo necessario per l'inserimento dei dati. Ma non voglio perdere il lavoro, hah hah hah! {L'umorismo autoironico spesso è il modo per dare la notizia che si vogliono più soldi.} Cosa ne pensi di tutto questo? {Ponete sempre domande nelle trattative, non divagate con suggerimenti - li otterranno.}

Tutto si risolverà da lì. Basta personalizzare e premere invio.

300
206
2017-06-27 12:54:38 +0000
  • Non inserire bug o fingere di lavorare quando non lo fai. Quella parte è sbagliata.
  • Digli solo della tua sceneggiatura/processo. È possibile che tu abbia più lavoro da automatizzare.

Nel peggiore dei casi, se vieni "licenziato" per aver automatizzato il tuo lavoro, sono sicuro che i futuri futuri datori di lavoro lo apprezzeranno, anche se il tuo attuale datore di lavoro non lo farà.

206
158
2017-06-28 13:38:12 +0000

Qui ci sono un sacco di buone risposte, ma credo che ci sia un altro aspetto che non stai considerando. Hai ottenuto un lavoro che doveva essere un lavoro di programmazione ma non lo era e poi l'hai trasformato in un lavoro di programmazione. Questo, amico mio, si chiama "successo". Hai trovato una via d'uscita dalla trappola di un lavoro senza prospettive.

Ma ora, invece di trasformare il tuo successo in una vera e propria carriera soddisfacente, stai pensando di sperperarlo? Non durerà per sempre. A un certo punto questa azienda e/o questo sistema ereditato non ci sarà più. E poi cosa succederà? Metti sul tuo curriculum che sei stato un fantino di fogli di calcolo per X anni o gli dici che in realtà sei un programmatore ma non hai mai fatto nulla perché non hai mai detto al tuo datore di lavoro cosa stavi facendo?

Sono un padre anch'io, quindi capisco che passare del tempo con tuo figlio è importante, ma hai anche una vita. Penso che tu stia sprecando il tuo talento e questo ti renderà meno felice. Ora lavori a distanza. Ci sono tonnellate di lavori su SO che permettono di lavorare a distanza. Penso che non dirlo al tuo datore di lavoro sia la scelta peggiore che tu possa fare qui. Come minimo dovrebbero assumervi abbastanza a lungo per integrare questa soluzione nell'applicazione reale. Per il vostro bene, probabilmente non dovreste ammettere di non fare nulla per un periodo di tempo significativo.

158
102
2017-06-27 12:23:24 +0000

Sarò l'avvocato del diavolo in questo caso: Dato che, come dici, ti è stato assegnato specificamente questo compito e non sono una società tecnica, quindi questo è praticamente l'unico e solo possibile compito che potrebbero assegnarti, vedo le seguenti opzioni:

  • Continua così come sei, dopo tutto ti pagano per portare a termine quel lavoro specifico, che stai portando a termine senza problemi così com'è. Forse puoi ottenere un contratto modificato la prossima volta che ne firmi uno per menzionare il compito che ti viene assegnato e non il totale delle ore passate a svolgerlo per essere coperto al 100% e non in una zona grigia.
  • Menzionare che puoi eventualmente creare uno script di automazione e venderlo a loro (il che, tieni presente, significa che stai togliendo anche il lavoro all'analista, non solo il tuo, quindi è un altro dilemma etico su cui riflettere). Notate che dico di vendere e non di regalarlo, visto che è stato creato nel vostro tempo libero, mentre in parallelo si fa anche manualmente il lavoro nel loro tempo, quindi non appartiene realmente all'azienda, le leggi del vostro contratto/paese dovrebbero coprire più specifiche sulla proprietà intellettuale per essere sicuri su questo. Da quanto ho capito, volete continuare ad essere impiegati a tempo indeterminato presso questo datore di lavoro per il momento (con vostro figlio e tutto il resto), quindi per essere chiari in questo caso, potete potenzialmente chiedervi quali altri compiti potete svolgere per loro nel caso in cui vi rimanga del tempo da dedicare al vostro compito principale (cosa che farete sempre, come sappiamo). Se chiedete incarichi di lavoro extra/lavoro a lungo termine e non ne hanno per definizione, allora come usate il tempo che vi rimane dopo aver completato i compiti assegnati dipende da voi.
102
101
2017-06-27 14:28:53 +0000

Non sono un padre single, ma ho dovuto spesso occuparmi dei bambini, quindi posso immaginare come ti senti e cosa succede dentro di te. Smettila di preoccuparti, goditi il tempo che hai con tuo figlio, e per avere un'etica devi prima di tutto sopravvivere, quindi direi di andare avanti, ma rendilo più pulito.

Per quanto riguarda gli errori che aggiungi, dovresti smettere di farlo lentamente, in modo che l'analista non si insospettisca. È brutto quello che hai fatto, ma confessare ora non aiuterà nessuno, specialmente tuo figlio.

Poi dopo un po' gli dici che ti rimangono un po' di ore al mese e che pensi che l'intero sistema possa essere automatizzato e hai un'idea di come. A seconda della loro reazione potete decidere se volete continuare o meno. Se ti dicono di no, continua a fare quello che fai o trova un altro lavoro.

Una volta ho imparato che il prezzo di un bene è determinato da quanto l'acquirente è disposto a pagare, che si basa su quanto "valore" aggiunge per lui e non importa quanto ti costa produrre il bene. Se si segue questa teoria, dovrebbe andare bene che continuino a pagare. L'unica differenza rispetto al vostro scenario è che in un mercato aperto avete dei concorrenti che possono anche produrlo a basso costo, quindi una volta che l'idea di automazione è fuori discussione, potrebbero cercare di trovare qualcun altro che lo faccia, un vero sviluppatore invece di un addetto all'inserimento dei dati, quindi date loro delle ragioni per prendervi, come se conosceste il sistema, conoscete le insidie.

Ma, qualsiasi cosa facciate, non andate in giro a vantarvi, non diteglielo mai, fatelo subito (o non fatelo se sospettate di finire disoccupati).

Dovreste anche cercare lavori freelance dove potete fare questo tipo di lavoro ed essere pagati "eticamente".

I miei 2 centesimi, il vostro chilometraggio può variare

101
63
2017-06-27 12:05:37 +0000

Credo che tu abbia perso le tue tracce qui.

Riassumiamo quello che stai facendo:

  • Hai scritto uno script che automatizza quasi al 100% il tuo "lavoro a tempo pieno con una paga decente"
  • Hai scritto il tuo script deliberatamente per falsificare alcuni dei record in modo che sia più credibile (se devi fare questo, riconsidera quello che stai facendo, questo è un inganno aperto / frode)
  • Stai raccogliendo salari per 40 ore/settimana quando in realtà stai lavorando al massimo 2.

  • Stai frodando il tuo datore di lavoro. Sì, sosterresti che qualcun altro potrebbe non averlo capito. Sì, probabilmente ti piace molto essere pagato per eseguire una sceneggiatura una volta al mese. No, questo non cambia il fatto che stai essenzialmente defraudando il tuo datore di lavoro.

Ti suggerirei di confessare immediatamente e sperare che lo vedano come una dimostrazione del tuo valore e ti diano un altro lavoro.

A seconda di quanto sono rilassate potrebbero anche dire "buon per te, non ci interessa come si fa fintanto che lo è". Ma non spetta a voi decidere. Ti pagano per lavorare a tempo pieno, tu no.

63
58
2017-06-27 14:55:32 +0000

Ciò che si desidera con l'azienda è un rapporto di collaborazione, non un rapporto di lavoro dipendente. Gli appaltatori sono pagati per svolgere un lavoro e hanno pieno margine di manovra per farlo come vogliono, anche per subappaltare l'incarico ad altri, mentre i dipendenti sono pagati per lavorare, in particolare per il loro tempo.

È necessario esaminare il vostro contratto ed eventualmente parlare con un avvocato specializzato in diritto del lavoro su quanto potreste essere in difficoltà e su cosa si può fare per attenuarle. Possono anche consigliarvi su come negoziare un ruolo maggiormente basato sul contratto.

C'è anche una terza opzione: gli vendete l'automazione. Dato che siete in un'azienda che non si occupa di IT, probabilmente non hanno clausole che garantiscano loro la proprietà del software che avete creato, quindi potreste essere in grado di rivenderglielo, ma vi lascia alla ricerca di un nuovo lavoro. Anche in questo caso, parlatene con un avvocato.

In definitiva, il vostro lavoro è a rischio a prescindere da quello che fate, ma avete in mano delle carte in regola: state svolgendo in modo competitivo il ruolo in cui siete impegnati, cosa che altri potrebbero non essere in grado di fare facilmente. Se non c'è concorrenza (sia per l'oscurità del lavoro che per altri motivi), non è immorale fare quei soldi per il lavoro che stai svolgendo; la domanda e l'offerta impongono che il lavoro che stai svolgendo sia davvero così prezioso in quanto sono disposti a pagarlo. Tuttavia, c'è sempre il rischio latente che qualcun altro possa scoprire il potenziale dell'automazione in modo indipendente e sottovalutarti. Ricordate che le aziende automatizzeranno i lavoratori senza lavoro per tutto il tempo: non è immorale, è solo business, quindi il trucco è non farsi fregare nel processo.

La cosa da ricordare è che, mentre attualmente state godendo dei benefici del fatto che nessun altro sappia della situazione, ci sono molti modi per cambiare le cose che non richiedono alcuna azione da parte vostra. Qualunque sia la vostra scelta, dovete agire subito, sia che si tratti di prevenire ciò che accade se venite scoperti, o di una potenziale perdita di affari in futuro.

Per quanto riguarda l'etica, in questo momento sembra che vi siate consapevolmente o meno messi in una posizione non etica. Alcuni sosterranno che ora sapete che è sufficiente mettere le cose a posto. Altri respingeranno qualsiasi ignoranza e insisteranno sulla necessità di fare ammenda per l'intera violazione. L'acqua potrebbe essere davvero fangosa se cerchiamo di gettare nell'etica delle madri che vengono fatte lavorare a tempo pieno per sostenere i loro figli contro qualsiasi torto possiate aver fatto e colorare le vostre azioni come un male minore.

Dovete bilanciare i vostri principi con il vostro interesse personale e gli interessi delle persone a vostro carico. Il vostro rapporto con l'azienda sarà molto meno deciso sull'etica direttamente e invece sulla legge: ciò che è stato concordato e può essere dimostrato e provato. L'etica influisce sulla vostra reputazione e sulla vostra coscienza.

58
29
2017-06-27 12:06:23 +0000

Sì, state deliberatamente spendendo tempo per simulare bug ed errori umani per offuscare il fatto che vi siete resi ridondanti.

Se avete un periodo di preavviso decente adatto a trovare un nuovo lavoro, allora salterei la fase dei bug il mese prossimo e poi direi:

Dopo mesi di lavoro, ho trovato un modo per automatizzare questo lavoro. L'ho implementato io stesso e ho verificato il suo funzionamento per diversi mesi. Ora sono fiducioso che possa fare questo lavoro senza supervisione. Ha qualcos'altro da farmi fare?

Se le danno qualcos'altro da fare: Ottimo, hai fatto una buona impressione e hai ancora un lavoro. In caso contrario: Hai fatto una buona impressione che dovrebbe essere utile quando cerchi un nuovo lavoro.

Ora presumo che tu non abbia questo lusso. Quindi capisco che lei esita a rivelare i fatti e ad essere licenziato immediatamente. In tal caso userei il suo tempo libero per trovare un nuovo lavoro. Allora dimettiti e diglielo.

29
25
2017-06-28 09:51:31 +0000

A mio parere, tutto si riduce a rispondere alla domanda:

Mi pagano per il mio tempo? o Mi pagano per farmi lavorare.

Se pensi che sia la prima, allora dovresti semplicemente dire loro che hai ottimizzato il processo e che ci stai mettendo meno tempo, e se hanno qualcos'altro da farti fare.

Se è la seconda, allora sei a posto. Stai facendo esattamente quello per cui sei pagato (senza la parte dei bug che mi sembra strana). Automatizzare ancora meglio di solito porta a ridurre gli errori, quindi stai (probabilmente) facendo un lavoro migliore di quello del tizio che ti sta davanti (di nuovo, sans i bug intenzionali, perché WTF?)

Questa domanda è l'unica ragione per cui molti filosofi (e anche intere religioni come gli Amish), sostenendo contro il tempo di scambio in cambio di denaro, sostengono il commercio di servizi in cambio di denaro, perché allora tutti i miglioramenti, le automazioni e le innovazioni vanno a beneficio della persona che le ha fatte.

Così realisticamente e praticamente: se ti senti come un appaltatore assunto per fare un lavoro, stai bene. Se ti senti un dipendente che vende tempo, dovresti parlare con il tuo manager, spiegare che hai migliorato il processo e chiedere se ci sono altre cose che vanno a beneficio dell'azienda su cui puoi lavorare.

PS: Ci sono un sacco di considerazioni pratiche:

  • In quale paese ti trovi, le leggi differiscono da paese a paese, soprattutto per quanto riguarda il copyright.
  • Sei un dipendente a tempo pieno (anche se remoto) o un appaltatore.
  • Nella maggior parte dei paesi occidentali, il copyright viene automaticamente trasferito se si tratta di un impiego a tempo pieno, tuttavia rimane a un appaltatore a meno che non vi sia un'assegnazione esplicita.

Di conseguenza, se ti licenziano, potrebbero perdere il diritto di utilizzare il software che hai creato e per il quale hai mantenuto il copyright.

Usual disclaimer: IANAL.

25
22
2017-06-28 10:28:30 +0000

*Non stai facendo la cosa giusta per l'azienda ma dovresti? *

Non sono così sicuro che dovresti dire la verità come suggeriscono alcune delle altre risposte, se hai paura che il tuo lavoro sia a rischio - potrebbe essere "la cosa giusta da fare" per l'azienda, ma qual è la cosa giusta da fare per tuo figlio? Tua madre avrebbe ragione, sei in una posizione molto fortunata - sei un padre single o era una supposizione fatta in una delle risposte? Se è così, allora passare del tempo con tuo figlio è molto importante e questa è una buona occasione per farlo.

Immagina di aver trovato un carico d'oro sepolto nel tuo giardino posteriore che potrebbe essere facilmente estratto. Bastava scavare, pulirlo un po' e potevate venderlo. Quello che chiedete è: non sarebbe eticamente scorretto venderlo al prezzo standard dell'oro?

La stessa domanda vale per qualsiasi prodotto ad alto margine di profitto. Si potrebbe sostenere che è sbagliato far pagare un prezzo alto per qualcosa che si è prodotto a basso costo, ma è così che funziona la società capitalista in cui viviamo. Il valore di mercato è determinato da quanto la gente è disposta a pagare.

Ecco una domanda, se l'azienda per la quale lavorate ha inventato un qualche segreto che ha permesso loro di produrre un prodotto/servizio molto economico e di venderlo ai clienti per un alto profitto (ma ha dovuto tenere segreto come viene prodotto e quanto facilmente viene prodotto), lo farebbe?

Quello che state facendo è seguire i processi aziendali standard - cioè cercare di massimizzare il reddito minimizzando i costi.

Sicuramente non state mostrando lealtà alla vostra azienda, ma la domanda è: che valore date a questo?

22
21
2017-06-27 13:27:13 +0000

È immorale? Sì.

Tuttavia ci sono altre considerazioni. Sarebbe anche incredibilmente immorale se l'azienda ti scaricasse dopo che hai risparmiato loro così tante seccature (una volta che gli dai la tua soluzione hanno il lavoro che volevano fare e un lavoratore che può fare altre 39 ore di lavoro allo stesso prezzo che era felice di pagare per il lavoro, risparmiando anche agli altri di dover controllare così da vicino gli errori) e devi considerare il costo personale della perdita del tuo lavoro (soprattutto per la tua famiglia).

Vorrei far circolare l'idea che stai cercando altri progetti. In pratica diciamo che hai un po' di tempo libero e vuoi sapere cos'altro puoi fare. Non si sa mai, ci potrebbero essere alcune cose che si possono fare ed è un modo privo di rischi di sollevare l'argomento.

Se non arrivano nuovi progetti, si può tranquillamente dire che c'è un alto rischio che l'azienda non apprezzi il vostro lavoro (almeno con l'alto costo che potrebbe comportare per voi). Trovate un nuovo lavoro adatto alle vostre esigenze e, si spera, un po' più divertente. Lasciare solo una volta trovato un lavoro adatto.

Non credo che questo sia il modo più morale di farlo, ma è il più sicuro e devi badare a te stesso e alla tua famiglia. Io smetterei di portare gli insetti, però, questo mi sembra un po' più sospetto e lasciarli fuori fa sembrare che tu abbia un modo per controllare il tuo lavoro.

21
16
2017-06-27 14:25:23 +0000

Non c'è niente di male nell'automatizzare le parti o addirittura l'intero lavoro. Finché viene fatto secondo la soddisfazione del vostro datore di lavoro, siete bravi. Non introducete bug intenzionali.

Contrariamente a quanto si dice qui, quello che state facendo è valido. Se non lo fosse, l'intero settore IT crollerebbe e la maggior parte dei sysadmin verrebbe licenziata.

Si prega di notare che lo script è di proprietà del vostro datore di lavoro dal momento che è stato creato mentre siete impiegati da loro, per il lavoro specifico e nel loro tempo. Il resto è completamente valido.

16
16
2017-07-02 00:20:24 +0000

Come qualcuno che ha fatto l'inserimento dei dati significava essere manuale, e automatizzato, posso rispondere a questo

Nel mio caso avrei potuto avere un lavoro di inserimento dati senza cervello per un anno e mezzo, garantito. Invece ho automatizzato il processo e l'ho comunicato pubblicamente al mio datore di lavoro. Ora sono assegnato a un reparto che si adatta alle mie capacità e al mio talento. Ecco perché l'ho divulgato.

La risposta esatta è: Sì, è immorale (aggiungerei anche che renderlo buggy per farlo sembrare umano è ancora più immorale).

Lunga risposta sul perché è:

Le loro finanze, la vostra occupazione a lungo termine

La sopravvivenza della vostra azienda è dovuta alla produttività dei suoi lavoratori. Contrariamente alle aspettative, le (buone) aziende non licenziano i lavoratori che automatizzano i loro compiti e rendono le cose efficienti. Se vieni licenziato e loro usano il tuo programma per sostituirti, o sono già in difficoltà finanziarie o sono un'azienda malvagia. Il programma non è ciò che ha talento, tu lo sei.

Il tuo codice, il tuo problema

Qualsiasi azienda intelligente non licenzierebbe l'unico sviluppatore di un pezzo di kit che non comprende appieno. Se va male dopo averti licenziato, come lo risolvono?

Se l'azienda ne trae vantaggio, lo fanno anche tutti gli altri che vi lavorano

Qualcuno di questi colleghi è tuo amico? Potresti ridurre anche il loro carico di lavoro, direttamente (dando loro gli strumenti) o indirettamente (togliendo quello che sarebbe potuto diventare il loro carico di lavoro). Se il tuo programma è in grado di auto-convalidare il lavoro, significa che i validatori hanno meno lavoro da svolgere. Meno stress per loro. Più successo per questa azienda. I posti di lavoro di tutti migliorano.

Non rivelare ti trattiene

Non rivelando che hai risolto quello che loro percepivano come un problema complesso con una soluzione diretta (che potrebbe far risparmiare loro molte ore di lavoro), alla fine nascondi il tuo talento alla vista, il che significa che non possono riassegnarti a una posizione migliore, o assegnarti un lavoro più impegnativo (e quindi più interessante). Nel mio caso, rivelando quello che avevo fatto, sono passato da un lavoro di inserimento dati (che si è rivelato essere comunque inscatolato) a un reparto all'avanguardia il cui unico obiettivo è quello di automatizzare e modernizzare molti sistemi.

Ti fa male l'autostima

Se devi sempre nascondere il tuo talento e fingere di essere più stupido di quanto sembri, pur avendo la colpa di "imbrogliare il sistema", questo ha un impatto psicologicamente negativo.

La vera ragione per cui lo chiedi

Non ti chiedi se è immorale, perché in fondo in fondo lo sai già (dici anche che non ti sembra giusto). Stai cercando di soppesare i pro e i contro del rivelare qualcosa che potrebbe farti perdere il lavoro quando sei preoccupato di avere abbastanza soldi per sfamare tuo figlio. Il vero problema è "come posso mantenere la sicurezza del lavoro quando ho automatizzato il mio lavoro?".

Questo si riduce a due punti: o non ti preoccupi di automatizzare il compito in primo luogo (il che diventa noioso), o, in ultima analisi, corri il rischio di perdere il lavoro, ma trovi un posto che si adatti meglio alle tue capacità. Nel mio caso, la mia rivelazione mi ha salvato dal licenziamento (sono uscito da un reparto che ha visto quattro licenziamenti) e ci sono stato solo temporaneamente (IE avevo zero sicurezza del lavoro).

Pesare i pro e i contro. Sai che non è etico, ma non è questo che ti preoccupa, altrimenti non l'avresti fatto.

16
12
2017-06-27 15:02:40 +0000

In primo luogo, le principali questioni etiche:

Le state ingannando con l'introduzione di errori. Questo è palesemente sbagliato. Lo sapevate quando avete posto la domanda, quindi non è una novità. Solo perché non "danneggia nulla", non giustifica l'inganno. Il danno è la fiducia implicita nelle relazioni tra datore di lavoro e dipendenti.

È sbagliato creare un sistema per fare il proprio lavoro? No. Ma è sbagliato essere pagati un salario orario per 38 ore senza lavoro alla settimana?

Secondo, la questione davvero importante:

Cosa succederebbe se scoprissero cosa sta succedendo? Perderesti il tuo lavoro? Forse. Fingendo di lavorare quando non lo sei, hai danneggiato il rapporto, poiché la finzione influisce sul tuo comportamento.

Se hanno un reclamo per il processo o gli strumenti che hai creato, potrebbero prenderlo e 'sostituirti' con esso. Quindi, dipende davvero da quale sia la proprietà del codice.

Se il vostro contratto copre la "proprietà intellettuale creata a tempo debito", allora il codice è legalmente loro, che ne siano a conoscenza o meno. Se siete un appaltatore o un consulente, potete essere proprietari dello strumento che avete creato. In tal caso, potreste negoziare una licenza (ed eventualmente un contratto di manutenzione) in sostituzione dello stipendio.

12
9
2017-06-29 06:04:46 +0000

Molte risposte qui si concentrano sul fatto che si è pagati all'ora, o pagati in base ai risultati. Molte risposte si concentrano anche sugli errori.

Sono pienamente d'accordo con l'idea di eliminare qualsiasi bug conosciuto. Commettere errori intenzionali può comportare rischi di sanzioni, compreso il licenziamento o peggio. Non volete finire nei guai con la legge.

Eliminando i bug, la gente penserà che avete scoperto come eliminare gli errori. Che si tratti di sforzi manuali, di affilare la mente o di utilizzare l'automazione non ha davvero importanza.

Per quanto riguarda la tariffazione per ora o per risultato: ha importanza? Siete sicuri di non lavorare 40 ore alla settimana? Tenete presente che se lavorate a casa, potreste avere un ampio margine di manovra su come svolgete il vostro lavoro. Ad esempio, chi può dire se l'inserimento dei dati avviene facendo premere i tasti della tastiera con le dita o se lo fa il software? Se notate che tra le 8 e le 10 del mattino vi siete assicurati che l'inserimento dei dati sia completo, questo può essere accurato al 100%. C'è qualcuno che ti sta micromanipolando per vedere quante volte ti sei alzato dalla sedia mentre svolgevi con successo il tuo compito?

Ho anche inserito qualche bug qua e là per far sembrare che sia stato generato da un umano.

Vedi, molte persone danno per scontato che tu stia cercando di coprire le tue tracce. Tuttavia, lei ha detto:

in realtà, gli analisti che creano i fogli di calcolo in realtà passano un bel po' di tempo a verificare il mio lavoro

Da quello che ha detto, suppongo che sia possibile che lei stia solo dando da mangiare agli analisti, per assicurarsi che stiano facendo il loro lavoro di cattura degli errori.

Ok, forse le sto dando troppo beneficio del dubbio.

Se le sue motivazioni erano perfettamente pure o ingannevoli, in entrambi i casi è meglio eliminare gli errori. Ti minacciano di farti più male che di qualsiasi altro bene che possono sembrare servire a lungo termine. (Si noti che non promettono molto di buono per lei. Potrebbero dare a qualcuno la soddisfazione che il tempo dell'analista sia utile. Ma se la necessità di far controllare il lavoro dagli analisti è un'esigenza che si riduce, perché la gente smette di pensare che il tuo lavoro ha bisogno di essere analizzato così tanto, perché il tuo lavoro è affidabile, questo non danneggia tu in alcun modo che ho già visto.)

Il tuo approccio migliore può essere quello di dire al tuo datore di lavoro che sei stato in grado di fare le cose in modo più efficiente, e ora vorresti esternalizzare te stesso, in modo da poter continuare a fornire risultati, ma in modo da poter legittimamente gestire il tuo tempo in qualsiasi modo tu voglia, compresa la possibilità di passare il tempo a servire un'altra organizzazione, se lo scegli. Una volta che sei esternalizzato, sei assolutamente in controllo del processo, e puoi semplicemente fatturare i risultati invece che all'ora, così non ci sarà alcuna base per rivendicare una continua disonestà.

Se non vogliono esternalizzarti, continua a chiedere. Alla fine, con risultati di qualità che permettono loro di vedere meno la necessità di continuare ad assumere analisti, dovrebbero alla fine trovare un beneficio nel cooperare, se non altro per mantenere voi (la persona che gestisce con successo un lavoro che deve essere fatto) felici.

9
8
2017-06-27 13:18:35 +0000

Ovviamente inserire bug per ingannare il vostro datore di lavoro è sbagliato.

Capisco la vostra esitazione a essere licenziati, per questo vi suggerirei di fargli sapere che finite il lavoro in una frazione del tempo che pensano vi serva e quindi potete assumervi maggiori responsabilità.

A meno che non lo chiedano, non vedo alcun motivo per cui lei debba dire di averlo automatizzato e ancor meno per inviare i suoi script a qualcun altro.

L'azienda pagherebbe qualcuno per fare questo lavoro 40 ore a settimana senza di lei, vedo la sua capacità di automatizzare e mantenere i compiti come un'opportunità per aumentare il suo valore per l'azienda piuttosto che come una ragione per essere licenziato.

8
8
2017-07-01 15:46:52 +0000

Aggiungo un punto, e cancello questo post se non c'è abbastanza carne. Prima di tutto, presumo che l'OP sia negli USA.

Se l'OP ha creato l'automazione sull'orologio, o utilizzando attrezzature aziendali, allora l'azienda abbassa il software di automazione. Quindi l'OP sta usando un software asset di proprietà dell'azienda, e non ha informato l'azienda di questo asset. Questa è un'altra questione etica.

Sappiamo che se l'OP dicesse all'azienda tutta la verità, la prenderebbe e la darebbe tutta alla prima persona che lo farebbe per un nichelino in meno. Naturalmente questo non dovrebbe avere importanza dal punto di vista etico, ma siamo esseri umani e fa schifo.

Se l'OP lavorasse pedissequamente per 39,5 ore a settimana per fare il lavoro, l'azienda ne trarrebbe un ulteriore beneficio? Certo che no.

Quindi, quello che l'OP sta facendo ci fa sentire strani, quindi probabilmente è sbagliato a un certo livello. Ma vorrei dire che ci sono un'etica pura e un'etica realistica. I sostenitori dell'etica pura diranno immediatamente che le persone che sono "realisticamente etiche" stanno semplicemente razionalizzando i comportamenti non etici. Probabilmente hanno ragione in un modo inutile.

Domande retoriche:

  • Quale percentuale della popolazione ammetterebbe l'automazione? Vi potete fare un'idea leggendo questo thread.
  • In base alle nostre esperienze con il management, cosa farebbero queste persone in una situazione simile?
  • Se trovaste una busta contenente denaro contante e "carta fedeltà", consegnereste la busta di denaro contante al gestore dell'esercizio, confidando che controlli il database della fedeltà e restituisca il denaro al proprietario?

Quindi si può vedere che ci sono comportamenti puramente etici e poi ci sono le cose che probabilmente farebbe la popolazione generale.

Il mio consiglio:

Non vedo la necessità di essere una "persona etica al top dello 0,1%" a possibili spese del proprio impiego. Tutti vorremmo essere al 100% puramente etici, ma il mondo reale è un posto difficile.

Tuttavia, l'OP si sente in colpa; non è fedele a se stesso. Questo è il problema. Questo è l'ammazza-anima.

Quindi, cerchiamo di essere fedeli a noi stessi senza essere autolesionisti.

  1. Smettila subito di inserire dati falsi. Niente rampa verso il basso. Smettila. Se qualcuno ti chiede cosa hai fatto per rimuovere gli errori, menti o inganna. Non dire tutta la verità. "Ho creato un po' di automazione per assicurarmi che questi errori non si ripetano". Nello schema cosmico delle cose, questa è una trasgressione minore. Non c'è motivo di invitare a una punizione, perché hai imparato la lezione e non farai mai più una cosa del genere. Giusto?
  2. Continua a fare quello che stai facendo altrimenti - stai ottenendo grandi risultati per un prezzo che il datore di lavoro è disposto a pagare.
  3. Non nascondete che avete automatizzato.
"These results are shockingly clean!" "Thanks, I found a way to produce the results quicker and more accurately." "So you have some free time, eh?" "Well I am surely spending less company time making fewer error-prone hand-edits than before, so yes."
  1. Non nascondete che avete automatizzato. 1. Continua a possedere il processo. La proprietà non si ferma alla consegna del file. Si ferma quando non ci sono più domande a cui rispondere e quando non c'è la possibilità di effettuare una modifica per qualsiasi motivo.

  2. Non nascondete che avete automatizzato il processo. Detto questo, questa è un'occasione d'oro per crescere. Forse gli analisti vi permetteranno di iniziare a fare un po' del loro lavoro di grugnito? Se lo facessero, migliorerebbe la tua futura capacità di assunzione? Trovate un altro lavoro, soprattutto uno che vi insegni una nuova abilità.

8
4
2017-06-28 15:35:58 +0000

Direi che avete oltrepassato la linea etica fornendo loro il lavoro che sapete essere sbagliato e non fornendo loro i risultati non appena sono disponibili.

Quindi cambierei questo, e vedrei se lo mettono in discussione. Per quanto riguarda l'"automazione", il mio sospetto è che se improvvisamente iniziate a produrre lavoro più velocemente, loro non se ne accorgeranno, o non reagiranno con un licenziamento.

È altamente improbabile, a meno che non li facciate sedere e spieghiate come usare il software, che vogliano farlo. Quindi potresti anche spiegare che hai trovato il modo di automatizzare parte del processo, da qui la velocità.

Per quanto riguarda "mi ci vogliono solo 1-2 ore", non vedo che tu abbia l'obbligo di dirglielo (sei pagato per produrre risultati che considerano degni di X, non per riempire il tempo), ma penso che tu abbia l'obbligo di fornire loro i risultati non appena li hai a portata di mano, e di fare del tuo meglio per produrre i risultati il più possibile privi di bug. L'iniezione deliberata di errori è una cosa giusta.

4
4
2017-07-03 10:23:45 +0000

Tutte le risposte di cui sopra contengono punti eccellenti. Quindi, per motivi filosofici, capovolgo la domanda: e se invece di un lavoro di inserimento dati umano, stessimo parlando di robot che fanno il lavoro di un umano. Ecco la sua domanda riformulata:

Sono stato assunto come capo del reparto X come manager di un grande team. Il mio primo lavoro è stato quello di b costruire un robot per fare il mio lavoro. Ora l'intero reparto si dirige da solo. Non devo gestire nessuno -- è tutto fatto dal robot, mentre io continuo a farmi pagare lo stipendio pieno per aver messo qualche ora di lavoro qua e là per controllare che tutto funzioni senza intoppi. Ho persino programmato il robot per fare qualche errore qua e là, per far contenti tutti e dare loro un senso di senso dello scopo, facendogli controllare il suo lavoro.

Questo è barare?

Il mio punto qui è: hai chiesto a una folla di professionisti dell'IT che apprezzano il lavoro effettivo come "fare le cose nel tempo necessario per farle". E se aveste chiesto a una folla di CEO? O a una folla di venditori?

In altre parole: secondo la maggior parte delle risposte di cui sopra, non è etico automatizzare il proprio lavoro ed essere pagati a tempo pieno; tuttavia, quando riformuli la tua domanda e sostituisci "programmatore" con "team leader" all'improvviso non sembra così sbagliato.

Oppure no?

4
3
2017-06-30 16:59:23 +0000

Non ho trovato nulla di immorale nella sua domanda fino a

Voglio dire, in questo momento, una volta ottenute le specifiche, le faccio passare nel mio programma - poi ogni settimana circa, dico loro che ho completato una parte di esso e li convinco a testarlo. Inserisco anche qualche bug qua e là per far sembrare che sia stato generato da un umano.

Credo che questo abbia rovinato tutto.

Il datore di lavoro vuole in realtà una cosa sola: che le cose siano fatte. Punto. Sono disposti a sacrificare parte del loro reddito per premiare chi lo fa. Se sei un imprenditore, hai un contratto e sei pagato per questo compito particolare. Se sei un dipendente sei pagato per il tuo lavoro o per ore.

Se sei pagato per ore si stima che guadagni $X / ora, quindi il datore di lavoro ti pagherà $Y / ora. Oppure il vostro compito guadagnerà $X e ci si aspetta che lavoriate per Y ore e il vostro salario è stimato da questo.

Nel vostro caso particolare, ci si aspetta che elaboriate X fogli di calcolo alla settimana quando lavorate 8 ore al giorno. Grazie a un algoritmo che avete creato voi stessi, siete in grado di fare lo stesso lavoro in diversi minuti. In questo modo, il vostro lavoro viene valutato in base alle ore di lavoro previste per ora. La creazione dell'algoritmo aumenta effettivamente il vostro valore per l'azienda! Il valore del vostro lavoro può essere stimolato dividendo il valore del vostro lavoro per il tempo effettivamente necessario.

Il problema qui è l'introduzione volontaria di errori per mascherare l'input programmatico come umano. Perché questa idea vi è venuta in mente?

Cosa si può fare con il minimo danno per tutte le parti coinvolte?

Contattate il vostro capo e informatelo che avete migliorato significativamente la vostra produttività e chiedete nuovi lavori. Se vi viene chiesto, potete dire che il vostro algoritmo è stato testato per 6 mesi senza problemi. Potete offrire di realizzare un'interfaccia utente o di migliorarla ulteriormente.

Tl;dr

Migliorare la vostra produttività scrivendo macro, programmi e altre soluzioni è etico e sarà ricompensato. Ciò dimostra il vostro interesse per il lavoro.

Utilizzare tale aiuto e affermare che si trattava del vostro lavoro è immorale e deve essere evitato. Dimostra il vostro interesse a superare in astuzia il vostro datore di lavoro.

3
3
2017-06-27 14:38:15 +0000

È immorale? NO.

Il fatto è che non esiste un'etica unica, ma molte altre. Ci sono letteralmente dozzine di approcci diversi allo stesso problema che porterebbero a conclusioni diverse.

L'etica è usata per distinguere ciò che è sbagliato e ciò che è giusto, ma il fatto è che non c'è un modo assoluto di farlo, perché ciò che si considera giusto potrebbe legittimamente essere considerato sbagliato da un punto di vista diverso. Inoltre, ciò che è considerato corretto oggi, potrebbe essere sbagliato domani.

Per quanto riguarda il suo caso particolare, vedo la situazione nei seguenti termini,

  • un'azienda ha deciso di mantenere un sistema ereditato (risparmiando l'enorme costo di sostituirlo con uno più nuovo) assumendo una persona che deve fare un lavoro specifico, per il quale è stato stanziato un budget.

Il lavoro viene fatto ogni mese? Sì.

Il lavoro è fatto correttamente? Sì (la storia dei bug non è importante, perché pagano già qualcuno per controllarli)

Ancora più importante,

Il contratto che hai firmato dice specificamente che devi gestire manualmente i dati? Improbabile, ma se lo menziona specificamente, dovresti dirglielo; altrimenti non stai facendo nulla di sbagliato, solo il lavoro per cui ti assumono.

L'azienda non ti sta facendo un favore dandoti un lavoro, ma sta pagando per un servizio di cui ha bisogno, e che tu stai fornendo correttamente. Il modo in cui lo fate non è rilevante. Quindi, ovviamente, non dite loro nulla e congratulatevi con voi stessi per le vostre capacità (dato che non sono stati in grado di fare lo stesso per anni).

3
2
2017-07-03 18:25:14 +0000

Un commento dell'istruttore di un corso di etica:

Ho commentato che qualcuno aveva detto di relazioni romantiche che nascondere le cose era una bandiera rossa e probabilmente indicava un problema anche se l'occultamento non era di per sé sbagliato.

Il professore ha commentato che questa non era solo una caratteristica dell'etica delle relazioni romantiche: in generale, nell'etica, se stai nascondendo qualcosa, probabilmente hai bisogno di guardarti allo specchio. Una lunga.

Non vedo come un problema particolare il fatto che tu abbia automatizzato il tuo lavoro; io ho su scala molto minore automatizzato parti di un lavoro, e ho tenuto il mio capo nel giro, se ti è sembrato degno di nota. Non mi sono mai messo nei guai per aver automatizzato le attività che ricordavo.

** Tuttavia, ** il fatto che non abbiate portato al vostro capo le informazioni più importanti è sbagliato, e nascondere attivamente aggiungendo falsi errori di inserimento dati è un livello di errore completamente nuovo.

Ora sapete se le vostre azioni sono giuste o sbagliate.

2
1
2017-06-30 08:15:51 +0000

La domanda chiave è cosa fai con il tuo tempo libero e cosa ne farebbero loro.

L'impresa che lavori per l'etica in sé?

Nella stragrande maggioranza dei casi, questa è una domanda molto difficile a cui rispondere, perché l'impatto di un'impresa sul suo ambiente può essere molto positivo, molto negativo, e la maggior parte del tempo è in una zona grigia dove la risposta richiede valori soggettivi piuttosto che universali.

Alcune imprese si sono guadagnate da vivere schiavizzando i loro clienti. Alcune aziende hanno fatto soldi grazie a grandi innovazioni che hanno reso migliore la vita di tutti. Alcune aziende trattano bene i dipendenti. Alcune ci provano, ma non lo fanno davvero.

Quello che state facendo non è certamente leale alla vostra azienda, ma per quanto riguarda l'etica non è affatto chiaro. Quello che avete fatto è spostare il valore dalla vostra azienda alle vostre mani. È un comportamento etico?

Se voi usaste le vostre 35 ore per lavorare per beneficenza, dubito che qualcuno direbbe che dovreste chiedere dei compiti sostitutivi. Se le utilizzasse per giocare ai videogiochi e in genere svolgesse attività che piacciono solo a se stesso, dubito che qualcuno direbbe che ciò che fa è etico.

Chiarimenti

Sembra che alcuni commentando questa risposta la complessità che ho aggiunto possa servire come giustificazione di qualcosa che trovano ovviamente non etico, ma permettetemi di aggiungere a questa complessità un'argomentazione con l'esperienza personale sul perché trovo che il "Tu menti, questo non è etico" sia troppo semplicistico. In una delle aziende per cui ho lavorato mi sono trovato di fronte a uno stile di gestione autorevole che a volte si è rivelato sbagliato e inefficiente. Prima che alla fine me ne andassi, sono stato condotto innumerevoli volte a nascondere le iniziative che ho preso per l'azienda perché considerate come una perdita di tempo, non facenti parte delle mie missioni, come qualcosa che avrei fatto per comodità, quando in realtà affrontavo molti problemi che il mio manager sottovalutava (come l'ergonomia ingannevole) o ignorava (come il debito tecnico). Non mi si dava fiducia per nessuna responsabilità e poiché ero gestito da qualcuno privo di competenze, spesso mi trovavo di fronte alla scelta di seguire un ordine irrazionale o di imbrogliare per fare le cose in un modo che fosse più vantaggioso per l'azienda.

Questo è un esempio di una situazione in cui essere leale ed etico può essere il contrario.

Aggiungendo a questo, ho sentimenti contrastanti sul "fare bene il mio lavoro". Come programmatore, i risultati della mia attività includono la distruzione di posti di lavoro per aumentare la produttività e i profitti finanziari all'interno di un paese che conosce una disoccupazione massiccia. Il risultato dell'attività è complesso e la sua etica è discutibile.

In questo contesto, non è mai ovvio dove sia la posizione etica del lavoro. A volte, forse non ce n'è nemmeno una. La mia conclusione personale è che la cosa migliore che potrei fare è guadagnare denaro e tempo libero per fare cose di cui mi fido davvero come etica - può significare agire in modo ingannevole nei confronti di un datore di lavoro. Per questo motivo, se mi trovassi in una situazione in cui potessi automatizzare il mio lavoro, considererei molto seriamente se può essere eticamente corretto mentire e utilizzare le risorse per un altro scopo.

1
1
2017-06-30 09:53:22 +0000

Una situazione molto simile:

Se avete chiamato la compagnia di cavi per venire a casa vostra perché volevate che vi installassero nuove linee di cavi per la vostra casa, e vi hanno fatto un prezzo significativo (in fondo, è un sacco di lavoro?)... poi si sono presentati, solo per poi trovare una vecchia linea già esistente (messa lì da un concorrente defunto)... tanto che alla fine sono riusciti a collegarvi in 5 minuti... quanto sarebbe ragionevole per loro mantenere il costo maggiore dal preventivo? Dopotutto, il vostro accordo era sul lavoro da fare, non su quanta manodopera ci è voluta?

Va a sottolineare un punto più grande. Questo mondo è pieno di persone che si preoccupano solo dei propri benefici. Ma alla fine, tutti sono dei perdenti da questo punto di vista. L'effetto cumulativo di chi si aggrappa a tutto ciò che può è un mondo pieno di sprechi e ritardi. Un mondo più lento a innovare, più lento a curare le malattie, più lento a costruire. Un mondo fondato sulla corruzione. Può sembrare che le perdite di un altro, quando è sconosciuto, siano una fuga pulita. Ma in realtà c'è sempre una vittima. Un truffatore da strada sembra ottenere "soldi gratis". Ma chi ne ha veramente bisogno spesso non riesce ad ottenere l'aiuto di cui ha bisogno come effetto collaterale. E quel denaro (e quel tempo) che avrebbe potuto essere usato per qualcosa di utile finisce sprecato. Può sembrare fruttuoso per voi prendervi un po' di tregua da chi lavora davvero per portare benefici e guadagni, e godere dei difetti d'uso per fare profitto piuttosto che per migliorare... ma rendetevi conto che se ogni singola persona lo facesse (e perché non dovrebbe?), non saremmo da nessuna parte. È infatti così vero che spesso le aziende non si prendono cura dei dipendenti. Allo stesso modo, la maggior parte delle aziende potrebbe dire lo stesso dei loro dipendenti. E alla fine è un gigante Prisoner's Dilemma

E, come lo è per questa situazione... così lo è per tutte le situazioni; chiunque può scegliere di non essere turbato neanche un po' da potenziali moralità. Infatti l'etica appare come irta di soggettività.

Ma alla fine, il mondo richiede degli assiomi per vivere. E nonostante quanto si possa discutere, di solito li vede, ma sceglie di inserire la propria realtà perché gli piace di più. Eppure, ciò non significa che gli assiomi non siano veri, né che la persona non sia tenuta a rendere conto della propria realtà. Si può decidere che l'esigenza di mangiare sia semplicemente un miraggio, un falso intruglio della società. Ma sarete comunque tenuti a rispondere delle conseguenze della termodinamica. In effetti, l'etica non è tipicamente dimostrata in modo conclusivo... ma allo stesso modo non si può più dimostrare che due punti producono una linea unica (in un dato piano). Non ci si dovrebbe poi sorprendere troppo se un giorno si è tenuti a rispettare l'etica di cui si affermava di non potersi convincere.

1
0
2018-12-03 21:27:40 +0000

Non solo non è etico, ma in molti casi si tratta di una violazione del contatto.

Quando vieni assunto da un datore di lavoro, di solito ti fanno firmare un contatto che dichiara che tutti i programmi che scrivi, o che elabori la tua creazione, che automatizzano il tuo lavoro, o che ti assistono nel tuo carico di lavoro, appartengono all'azienda. Lavoro come ingegnere del software e tutto ciò che creo mi aiuta a svolgere il mio lavoro è di proprietà della mia azienda, non mia.

Crede che questo andrà bene nel suo prossimo potenziale colloquio di lavoro? "Oh beh, ho ingannato il mio ex datore di lavoro per farmi pagare 40 ore a settimana per circa 50 minuti di lavoro". Sicuramente qualcuno potrebbe riconoscere il genio, ma la maggior parte di loro sarebbe scoraggiata dal fatto che in qualche modo li inganneresti in seguito.

0
0
2017-06-28 22:08:07 +0000

I punti non coperti da altre risposte sono in grassetto.

Sì, naturalmente non è etico ingannare il proprio datore di lavoro nel modo in cui lo si sta già facendo, e lo si sa già. Altrimenti non ti saresti sentito costretto a inserire bug.

La domanda da porsi è: ** se lavorassi dall'ufficio invece che da casa, e il tuo capo potesse venire da te in qualsiasi momento per chiederti di accompagnarti nel file che stai elaborando, diresti o faresti qualcosa di diverso? **

Se ti pagano ogni ora o se compilassi un foglio di presenza che indica quante ore hai lavorato, stai mentendo, il che è palesemente immorale. A seconda della tua regione, se sei dipendente, può essere illegale per il tuo datore di lavoro richiederti di lavorare un certo numero di ore, ma non è una carta "esci gratis di prigione". Molte aziende offrono benefici solo ai dipendenti che lavorano un certo numero di ore, come ad esempio 30+ ore/settimana , e sul lato opposto sono tenute a offrire gli stessi benefici a tutti i dipendenti che ne hanno diritto. Questo è piuttosto standard negli Stati Uniti, per quanto ne so. Sotto alcuni datori di lavoro, si accrescono PTO in base al numero di giorni o ore di lavoro. Se si sta approfittando di tali benefici, si accetta implicitamente di lavorare almeno questo numero di ore, anche se questo significa stare seduti alla scrivania nel proprio ufficio a casa e fissare il muro 7+ ore al giorno o fare il proprio lavoro manualmente. La richiesta di dire al tuo datore di lavoro che hai automatizzato il tuo lavoro e che in realtà non lavori abbastanza ore per avere diritto ai benefici non è etica , soprattutto quando un dipendente part-time che lavora 10 volte di più di quante ore ti sarebbero negate.

Se hai firmato un contratto di lavoro e contiene una clausola di proprietà intellettuale che concede la proprietà all'azienda per qualsiasi proprietà intellettuale da te sviluppata, gli script sono già di proprietà dell'azienda ed è implicito o esplicitamente dichiarato che devi fornirli al tuo datore di lavoro.

Hai già dichiarato che i tuoi script richiedono occasionalmente delle modifiche, quindi il tuo datore di lavoro dovrà trattenere qualcuno per mantenere i tuoi script sia che finisca per essere tu o qualcun altro.

Una persona veramente senza scrupoli cercherebbe di ripetere la tua formula con altri datori di lavoro, al punto di rastrellare moltiplicare gli stipendi a tempo pieno e lavorare solo 1-2 giorni alla settimana.

Anche se non fosse immorale, non ti stai facendo alcun favore in termini di carriera o di sviluppo professionale se non dedichi il tuo tempo a mettere in pratica le tue capacità e la tua formazione su tecnologie aggiuntive. Ci sono carriere nell'automazione che danno valore a ciò che avete fatto e vi pagheranno più di un lavoro che si riduce all'inserimento manuale dei dati. Se continuate con l'inganno attuale e passate il resto del vostro tempo a divertirvi, le vostre abilità ristagnano e sarete fottuti quando alla fine verrete licenziati o licenziati.

0
-1
2019-07-10 23:28:49 +0000

Buon per te. Se dire al vostro datore di lavoro che lo state dicendo vi porterà a una promozione e a più lavoro, allora fate un passo avanti.

Se pensate che dirlo vi farà licenziare mentre qualcun altro esegue il vostro copione, allora tenete la bocca chiusa. Cercherei un altro lavoro a tempo pieno e incasserei due buste paga.

Se vostro figlio è giovane e volete passare il tempo a casa, assicuratevi di avere sei mesi di spese risparmiate nel caso in cui

Avete un buon affare e non fate casini. Dovreste scrivere un manuale su come fare il lavoro alla vecchia maniera e darlo al capo. Sarà entusiasta della documentazione.

-1