Posto di lavoro
2013-01-09 13:50:39 +0000 2013-01-09 13:50:39 +0000
597

Come dovrei comportarmi con un dipendente che è andato a letto con mia moglie?

Sono il proprietario di un'azienda con circa 30-40 dipendenti. Recentemente ho scoperto che uno dei miei dipendenti ha avuto una relazione con mia moglie. Il dipendente lavora per me da 4 anni. Mi sono sentito come se fossi il suo mentore, da quando ho assunto direttamente dall'università, gli ho insegnato le corde e l'ho promosso a un ruolo di leadership per uno dei nostri prodotti principali.

Da allora mia moglie mi ha lasciato. Ho parlato con lui e mi ha detto che gli dispiace per quello che è successo, ma che non se ne andrà. Dice che la sua relazione con mia moglie non dovrebbe essere una questione di lavoro e che ha messo troppo lavoro nell'azienda per essere licenziato solo perché sono il capo.

Sono amareggiato e vorrei che lasciasse l'azienda, ma sono anche realista. È stato una parte importante dell'azienda. È il dipendente più anziano che c'è ancora, conosce l'applicazione a fondo, e anche se non direi che è indispensabile, ci è vicino. Allo stesso tempo, ogni volta che vedo il suo volto, mi sento come se questo mi uccidesse dentro.

Come suo superiore, cosa posso fare in questa situazione? Siamo un gruppo affiatato, ma nessuno conosce questi problemi personali sul lavoro. In questo momento, mi sto comportando nel modo più professionale possibile.

Risposte [19]

445
2013-01-09 14:32:15 +0000

Nei suoi panni parlerei prima di tutto con una persona esperta di diritto del lavoro e vedrei se le sue azioni costituiscono una violazione della fiducia. Le loro azioni hanno chiaramente influenzato il tuo rapporto di lavoro al punto che è insostenibile (e devo dire che sono impressionato dal tuo livello di professionalità fino ad ora - non sono sicuro di poterci riuscire!).

Penso che sia ottimistico presumere che il tuo rapporto di lavoro migliorerà nel tempo, e credo che supponendo che non sia una violazione della legge dovresti farlo uscire il prima possibile.

Quando dici

ha messo troppo lavoro nell'azienda per essere licenziato solo perché sono il capo.

Direi che qualsiasi potenziale licenziamento non sarebbe "perché sei il capo": sarebbe principalmente guidato dalla mancanza di fiducia nel tuo rapporto (non vedo come potresti mai fidarti di lui di nuovo).

Il suo tono sembra essere piuttosto arrogante, e questo potrebbe ripercuotersi sulle sue pratiche di lavoro (su cui indagherei il più possibile). Essere il più esperto in azienda in un determinato settore non significa necessariamente che si lavora in modo appropriato, o che nessun altro potrebbe entrare e migliorare le prestazioni.

445
290
2013-01-09 16:05:59 +0000

Quello che mi preoccupa di più è l'atteggiamento della frase "ha messo troppo lavoro nell'azienda per essere licenziato solo perché sono il capo". Si tratta di una persona che ha accesso a tutto il codice sorgente dei vostri sistemi e che, come capo squadra, avrà probabilmente accesso ai server di produzione. Questa è una persona molto pericolosa. Con questo atteggiamento, potrebbe benissimo usare il codice per rubare da voi o aver creato una backdoor per entrare dall'esterno o aver creato qualcosa nel codice per far saltare in aria i vostri sistemi se viene licenziato. Questo non è l'atteggiamento normale di una persona che è stata colta in una relazione. Poiché sapeva di avere una relazione e che era probabile che potesse essere licenziato se scoperto, sarei molto diffidente nei confronti di questa persona. Potrebbe anche fornire a sua moglie informazioni che le consentirebbero di prendere più beni.

La prima cosa che farei è assicurarmi che lei abbia un backup aggiornato di tutto! E poi mi assicurerei che siano fuori sede. Questo tipo di persona è il tipo di persona che probabilmente ha messo qualcosa nel codice per farlo saltare in aria se viene licenziato. Devi proteggere i tuoi dati e le tue applicazioni.

Successivamente, assumerei qualcuno che prenda il suo posto. Potrei anche, a seconda di quanto mi sentissi insicuro riguardo ai dati e alla domanda, assumere questa persona e farla lavorare all'inizio con una copia della domanda e dei dati da qualche parte fuori dall'ufficio. Poi il suo primo compito sarà quello di valutare se c'è un pericolo per il codice da qualcosa che l'altra persona ha inserito. Potrei anche cercare e assumere un esperto di sicurezza come consulente per fare questo.

Ora, una volta che ho protetto i miei dati, intraprenderei una delle due azioni. Se si è negli Stati Uniti e si lavora in uno stato di "At will", lo licenzierei. Poi cambierei immediatamente tutte le password a tutti i server e database.

Se vi trovate altrove o non sapete per certo di essere in uno stato in cui potete licenziare senza motivo, consulterei immediatamente un avvocato del lavoro per scoprire quali azioni potete intraprendere per proteggere la vostra azienda. Se non è legalmente possibile licenziarlo, potreste essere in grado di riassegnarlo a una posizione di nuova creazione che non ha compiti e rimuovere il suo accesso al codice, ai database e ai server. (Cambia tutte le password se lo fai).

290
156
2013-01-09 14:14:59 +0000

La mia risposta - se la legge del luogo in cui ti trovi lo permette - è di bloccare il tizio da tutti i suoi conti (e dall'edificio) e licenziarlo immediatamente. Lasciate che raccolga la sua roba fisica, dategli la liquidazione necessaria e mostrategli la porta. La mia logica è che non potrai mai più fidarti di lui. Ti ha già tradito personalmente, nonostante le attenzioni personali che gli hai dato e il legame che sentivi di avere. Come fa a sapere che non tradirà la sua compagnia? Meglio essere sicuri che dispiaciuti.

Anche se non fa mai nulla di sbagliato sul posto di lavoro, finché continua a lavorare per voi, è possibile che alla fine perdiate il controllo e facciate o diciate qualcosa di inappropriato che vi esporrà a conseguenze legali. Quindi, anche se credete che non farebbe mai nulla per danneggiare la vostra azienda, il vostro rapporto con lui è insostenibile. Fatelo uscire nel modo più rapido e pulito possibile. Se non potete licenziarlo, chiarite che non è il benvenuto e chiedetegli di dimettersi.

156
62
2013-01-09 22:31:25 +0000

Immaginate di avere due dipendenti e che uno di loro sia andato a letto con la moglie dell'altro.

Cosa fareste in questa situazione? Le azioni del tizio e l'interruzione delle dinamiche di squadra non sono niente. Ma devi essere in grado di comprenderle nel contesto del fatto che non sei tu la parte lesa.

Prima che questo accadesse a te, ti vedresti sbarazzato del tizio che era stato leso se l'altro tizio fosse stato il lavoratore migliore - "per aiutare le dinamiche di squadra"?

Se a) sei sicuro che non lo faresti, e b) le dinamiche di squadra sono state interrotte, allora dovresti parlare con un avvocato del lavoro per i passi successivi.

Ma se ti comporteresti in modo diverso se non fossi tu, allora avresti una risposta diversa.

62
57
2013-01-09 14:18:52 +0000

Rispondere rigorosamente all'aspetto "business": Credo che in un modo o nell'altro il dipendente dovrebbe andarsene. Siamo nel caso in cui non riusciamo ad avere un rapporto di lavoro funzionale. In questo caso si dovrebbe andare. A causa delle dimensioni dell'azienda (piccola/media), un trasferimento in un altro reparto "lontano" da voi non è possibile, quindi andarsene è l'unica opzione possibile. Poiché il titolare non può andarsene, il dipendente dovrebbe andarsene.

Inoltre, si offre lavoro a un gran numero di persone e vivere con uno stress extra da parte di una sola persona all'interno della propria vita lavorativa potrebbe avere un effetto sul resto delle persone che vi lavorano (se questo causa problemi alle prestazioni dell'azienda). Per il beneficio di tutti contro una sola persona, credo che dovrebbe andare.

57
50
2013-01-09 16:01:17 +0000

Ok, qualcuno deve essere la voce della ragione.

Hai assolutamente ragione a non reagire quando sei arrabbiato. Decisione molto saggia. Anche quando hai preso tutti i consigli possibili, calmati il più possibile prima di prendere qualsiasi decisione. È improbabile che faccia del male all'azienda, a meno che non reagisca con rabbia.

La cosa che dovete ricordare è che prima era un buon dipendente e non c'è motivo per cui non possa continuare ad esserlo, né c'è motivo per cui non possa continuare ad esserlo.

L'unico vero problema qui è la vostra incapacità di separare l'uomo dall'atto.

Detto questo, è del tutto comprensibile. La maggior parte delle persone non può farlo. Ma vale la pena di rischiare la vostra relazione d'affari, e in effetti la vostra attività, per la fine? Riflettete bene su questa domanda prima di rispondere.

Anche mettendo da parte l'aspetto legale, vi costerà molto denaro sostituire qualcuno che, professionalmente, non ha fatto nulla di male. Il vostro malessere, del tutto comprensibile, si attenuerà. Ma avete lavorato duramente per costruire quell'attività - e così, secondo il vostro conto, ha fatto - e, si spera, durerà.

Non vi sto suggerendo di lasciar perdere. Dite chiaramente che non potete fidarvi di lui tanto quanto vi siete fidati voi. Riduca la sua libertà in modo razionale. E, soprattutto, tagliate i vostri legami personali con lui. Ditegli che non potete trattare direttamente con lui in questo momento, e che di certo non volete vederlo al di fuori del lavoro.

Ma non fate nulla di cui poi vi pentirete.

50
45
2013-01-09 22:42:26 +0000

Un'altra opzione tutti insieme:

Stava già considerando una strategia di uscita ad un certo punto? Lei possiede un'azienda con 30-40 dipendenti, che non è così piccola. Se non sei sposato con questa azienda per tutta la vita e hai iniziato a considerare l'idea di andare avanti, allora questo potrebbe essere un calcio nei pantaloni.

Hai avuto dei grandi cambiamenti nella tua vita. Una pausa sarebbe un'occasione per fare un passo indietro, rimettere insieme i pezzi e ristabilirsi. Ti darebbe anche l'opportunità di rompere con il passato.

La vendita può richiedere un bel po' di tempo, quindi non sarebbe una soluzione immediata. Ma tutta la tua vita non deve essere incentrata su questa azienda.

45
31
2013-01-10 14:42:32 +0000

Il problema della sua idea di tenere le cose separate è che non sei tu a mischiare gli affari con il personale, ma lui. E quando si tratta di una cosa seria come andare a letto con tua moglie, le due cose si confondono per sempre. Credo che questo sia tutto ciò che aggiungo alla discussione che è unico nella mia risposta, ma è un punto estremamente critico. Non hai torto a volerlo fuori e non lasciare che nessuno ti dica il contrario.

Ora, è possibile che sia accecato dal fatto che gli piace così tanto il suo lavoro e non vuole andarsene, ma IMO, il suo comportamento è da qualche parte tra il bambino nel corpo di un uomo e il sociopatico borderline. Non provare nemmeno la vergogna di lasciare l'azienda quando si viene scoperti in una situazione come questa mi suggerisce qualcuno che è estremamente egoista a un livello tale che sarebbe del tutto impossibile fidarsi di lui per qualsiasi cosa.

Quindi sì, parla con gli avvocati. Guardatevi le spalle dal lato del divorzio/sabotaggio. Parati il culo. Ma portatelo fuori dal vostro ufficio il prima possibile. È chiaramente completamente incapace di assumersi la responsabilità delle proprie azioni e non ha alcun senso di compassione o di empatia. Soffrirà un contrattempo, ma non è niente in confronto al drenaggio psicologico che deve subire solo per vedere il ragazzo ogni giorno.

E se fossi in lei, non avrei paura di far sapere alla squadra esattamente perché, salvo il pericolo di diffamazione, ecc... Non c'è niente di irragionevole nel volerlo fuori dall'ufficio e sono un po' scioccato che chiunque la vedrebbe in un altro modo. Se tutti sono così affiatati come dici, è meglio che la verità venga fuori piuttosto che buttare fuori un prezioso membro del team senza una spiegazione. Potrebbe sentirsi a disagio a far entrare tutti nel vostro business, ma ricordate che niente di tutto questo si riflette negativamente su di voi.

31
29
2013-01-09 16:34:37 +0000

Licenziatelo e occupatevi delle sequele a valle. La vita è troppo breve per lavorare in un ambiente malsano. E sospetto che tu pensi di meritare di meglio di come sei stato trattato di recente. Nulla vale la tua salute e la tua felicità e ti aspetta una lunga strada di guarigione. Quindi iniziate.....

29
21
2013-01-09 14:19:16 +0000

Non sono sicuro che qualcuno possa darvi molti consigli, mi dispiace che questo sia successo a voi, nell'ultimo anno ho attraversato una rottura matrimoniale, quindi a un certo livello so quanto sia difficile per voi in questo momento.

Gli ho parlato. Dice che gli dispiace per quello che è successo, ma non se ne andrà. Dice che la sua relazione con mia moglie non dovrebbe essere una questione di lavoro e ha messo troppo lavoro nell'azienda per essere licenziato solo perché io sono il capo.

È chiaro che dipende da te come gestisci le cose al lavoro, ma devi tirarlo su. Se dovesse essere licenziato, e ne metto in dubbio l'aspetto legale, non verrebbe licenziato perché tu sei il capo, ma per un'enorme perdita di fiducia. Quello che ha fatto è moralmente sbagliato per l'OMI e non può prendere il comando qui. Se sua moglie l'avesse lasciata e lui avesse iniziato una relazione con lei sarebbe molto diverso.

L'unico consiglio che posso dare è che le cose migliorano con il tempo. So che se fossi nei suoi panni avrei 101 cose pianificate per "vendetta", manterrei la calma professionale.

21
15
2013-01-09 21:07:34 +0000

Se fossi andato a letto con sua moglie, sarebbe ragionevole per lui aspettarsi che tu lasci l'azienda? Se così non fosse, sembra che si potrebbe argomentare che se lo licenziassi potrebbe essere un abuso della tua posizione.

Personalmente farei del mio meglio per tenere gli affari e la casa il più possibile separati, ma d'altra parte se dovessi guardarlo ogni giorno potrebbe diventare difficile per te ottenere il lavoro.

15
11
2013-01-09 16:21:12 +0000

Mi dispiace, ma queste cose succedono. Speriamo che questo aiuti, ma vi consiglio di trovare prima qualcuno di cui potete fidarvi per parlarne. I miei suggerimenti sono i seguenti:

  1. 1. Trovate qualcun altro aggiornato (o voi stessi aggiornati) con l'applicazione. Nessuno dovrebbe essere indispensabile
  2. 2. Parlate con un avvocato e scoprite cosa potete fare legalmente. 3. Dopo aver trovato una persona aggiornata, fategli sapere - in base a quanto detto dal vostro avvocato - che dovete lasciarla andare

La vostra vita personale influisce sul vostro lavoro sia in positivo che in negativo. Anche se la fiducia può essere o meno un problema, la tranquillità lo è. Avete la tranquillità di sapere che questa persona ha accesso ai vostri clienti, conosce il vostro prodotto a fondo e ha la migliore gestione della vostra attività? Pensateci. Solo voi potete rispondere.

Spero che questo sia d'aiuto.

11
11
2013-01-10 04:26:01 +0000

Una persona non può cambiare molto le sue caratteristiche. Si tratta di una fiducia rotta che è piuttosto personale.

La maggior parte della mente umana non segue le regole aziendali e governative quando accadono cose troppo personali. Fate i conti con queste persone, piuttosto che ingannare voi stessi.

L'impatto sul vostro business sarà enorme. E se sei arrabbiato con questo tizio e questo influisce sulla tua attività? Anche questo è altrettanto importante (purché sia sensato per la vostra azienda)

Un'azienda dovrebbe avere piani alternativi. Non puoi licenziare questo tizio perché è importante. Ci sono due cose importanti

  • Devi cercare i migliori talenti al di fuori.
  • Considera che non è l'ultimo della categoria smart. Puoi trovarne molti se investirai tempo e impegno.

Anche la sua etica professionale non può essere conteggiata nel caso in cui si verifichi un incidente. Il legame e la fiducia ed è importante per gestire un'azienda.

Cosa succede se lascia il suo lavoro, in cui non hai alcun controllo. Quindi la mia opinione è che non fare affidamento su queste persone per gestire la tua attività. È importante avere intorno persone intelligenti, ma non possiamo darlo per scontato. Sono esseri umani e liberi di muoversi, esprimere e cambiare le loro opinioni nel tempo.

11
10
2013-01-10 10:19:33 +0000

È tua moglie che ti ha tradito. Forse si potrebbe dire che il dipendente l'ha tradita. Ma sicuramente l'impiegato non ha tradito l'azienda. Se sta facendo un buon lavoro, licenziarlo è un abuso di potere. Entrambe le opzioni sono dannose per l'azienda:

  • Licenziarlo è dannoso perché dimostra che si sta abusando del potere di licenziare qualcuno per motivi non legati all'azienda
  • Non licenziarlo è dannoso perché si ha ancora bisogno di lavorare con lui.

Secondo me, la seconda opzione è ancora il minore dei due mali, considerando che si tratta di voi due tra decine di persone dell'azienda. Che ne dite di creare delle strutture in modo da non avere a che fare con lui in modo così diretto?

10
8
2013-01-09 15:50:21 +0000

Penso che sia davvero una questione di a) se sarebbe legale licenziarlo e b) se sarebbe un impatto negativo maggiore per l'azienda averlo lì o no. È una decisione che solo lei può prendere.

Finché è legale licenziarlo, direi di separarsi il più possibile dalla questione personale, cercando di valutare l'impatto complessivo della situazione. Parte di questa valutazione consiste nel dare un'occhiata significativa a come ha influito sul vostro rapporto di lavoro, ma anche a quanto costerebbe all'azienda perderlo rispetto ai problemi che i problemi interpersonali causerebbero. Solo tu puoi davvero essere il giudice di questa equazione.

Un altro pensiero è che se c'è qualcun altro di cui ti fidi nella tua azienda che ha familiarità con questo individuo, potrebbe valere la pena di parlare con lui come terza parte indipendente di quello che sente l'impatto sul posto di lavoro. Un'ultima riflessione aggiuntiva, l'opzione migliore potrebbe non essere quella di tenerlo o di licenziarlo, ma se pensate che non abbia fatto nulla di professionale che meriti il suo licenziamento, potreste chiedergli di andarsene per i problemi che vi sta causando, dargli il tempo di trovare un posto di lavoro e anche eventualmente dargli una raccomandazione in base ai suoi meriti professionali per aiutarlo ad uscire dalla porta. Se siete in grado di farne un obiettivo verso cui entrambi state lavorando, è probabile che ciò garantisca il miglior risultato per la vostra azienda nel suo complesso.

8
6
2013-01-13 20:34:25 +0000

La prima domanda da porsi è: può davvero rimanere un problema al di fuori del lavoro? Con questo intendo dire se influisce sulla sua capacità, o su quella del suo dipendente, di svolgere il proprio lavoro, di lavorare con i colleghi e se influirà sul comportamento dei dipendenti sul lavoro?

La seconda domanda da considerare è: quali sono i probabili esiti di questa relazione e il suo legame con la rottura del suo matrimonio sulle relazioni d'ufficio, se diventa pubblica? Avrà un effetto più ampio sugli altri dipendenti?

La terza domanda da considerare è: può continuare a svolgere il suo lavoro mentre lavora con questa persona?


In base a quanto ha detto nella domanda, credo sia molto probabile che la sua capacità di gestire questo dipendente sia stata sottilmente compromessa. Lei ha una risposta emotiva nei suoi confronti e probabilmente non si fida nemmeno di lui. Il fatto che egli si aspetti che ciò non abbia alcun effetto sulla sua capacità di lavorare con voi dimostra una mancanza di comprensione del modo in cui le persone lavorano.

Potreste rescindere il suo contratto di lavoro per la sua condotta. Il dipendente ha agito in modo tale che è ragionevole aspettarsi che voi vi sentiate a disagio a continuare a lavorare con lui, ma ha anche minato la fiducia che avevate in lui. Entrambi sono motivi discutibili per la cessazione immediata del rapporto di lavoro senza alcun indennizzo. Il costo in questo caso è sia lo shock interno all'azienda che questa persona ha lasciato senza alcuna spiegazione, la perdita di conoscenza interna, sia il rischio che cerchi di chiedere un risarcimento e la distrazione sull'attività che può causare.

Potreste continuare ad assumerlo, e vedere come va a finire. Il dipendente opererà in modo ottimale, che con il tempo questo dipendente non sarà in grado di svolgere correttamente i propri compiti - la sua lealtà è destinata a essere divisa tra il suo lavoro e la sua casa, e il costo complessivo dell'opportunità persa in termini di concentrazione e consegna, e questo dipendente che si trattiene dal generare idee per motivi personali avrà un costo significativo per l'azienda.

Potresti provare a pagarlo per andarsene. In base a ciò, egli ritiene di poter continuare a lavorare con voi, ho il sospetto che questa sarebbe un'opzione costosa. Ma vale la pena di scoprire quale sarebbe il costo.


Nella vostra situazione, lo licenzierei, con una paga di mesi e una referenza luminosa. Se andasse in tribunale - e vincesse, si rassicuri sul fatto che ogni 2 centesimi che paga in onorari di avvocato è un centesimo in meno che sua moglie otterrà nell'accordo di divorzio.

6
5
2013-01-11 18:04:35 +0000

Questa è una grande domanda, e prima di tutto ti faccio un applauso per la tua professionalità. Sono sicuro che ci sono un sacco di persone che non lo sarebbero, non è minimamente illustrato da tutti i commenti (e le risposte) del tipo "licenziatelo e basta".

Penso che @NimChimpsky abbia un punto a suo favore: una questione da affrontare è che questo particolare dipendente è "vicino all'indispensabile". Ma si tratta di una questione completamente separata e di una questione da affrontare in generale, non solo per quanto riguarda questo particolare dipendente. Per quanto a tutti piaccia sentirsi necessari, nessuno dovrebbe essere indispensabile. E se una persona così si ammala gravemente e rimane fuori ufficio per una settimana o due? Se fossi io (cosa che ovviamente non è), probabilmente comincerei dicendogli di prendersi una o due settimane di vacanza. Se necessario, gli direi di prendersi una vacanza pagata in aggiunta alle sue normali ferie. Il punto non è di ricompensarlo in alcun modo, ma semplicemente di toglierlo di mezzo** senza essere troppo aggressivo e certamente senza fare qualcosa di permanente, come licenziarlo o rischiare una violazione del contratto da parte vostra. Usate questo tempo per prendere un po' di respiro, consultate un avvocato o due specialisti in diritto del lavoro, vedete come ve la cavate senza di lui in ufficio (forse gli altri dipendenti meritano più credito di quanto non gliene diate voi per quanto riguarda la loro conoscenza dei vostri prodotti? Poi, al suo ritorno, vi troverete in una situazione molto migliore per gestire i compiti necessari in modo professionale e in modo legalmente corretto.

Licenziare qualcuno per i motivi sbagliati, o anche per quelli che sono percepiti come i motivi sbagliati, può costare caro a voi (e/o all'azienda). Assicuratevi di avere tutte le vostre basi legali molto ben coperte prima di pensare di licenziare questo dipendente, indipendentemente da quanto vi sentiate traditi.

5
0
2015-12-04 21:08:24 +0000

In primo luogo, forse si può o non si può avere la ragione legale per licenziare questo dipendente sulla legge dello stato.

Ma, sull'etica comune, si ha tutto il diritto di licenziarlo.

Ci potrebbero essere molte ragioni, che possono rendere possibile il suo licenziamento, se la legge dello stato non lo permette per voi.

Egli lo sa probabilmente anche molto bene. Ma, ha detto, è il suo primo posto di lavoro, quindi probabilmente non può immaginare il suo primo cambio. Ha bisogno di un po' di "sostegno" per prendere questa decisione, questo è quello che dovresti dargli.

Puoi avere qualsiasi "ragionamento": l'azienda non ha più soldi per il suo progetto, qualcuno deve essere licenziato a causa dello stato finanziario della tua azienda, ecc. E, naturalmente: sebbene siate molto soddisfatti del suo lavoro, purtroppo vedete che il suo ruolo/le sue competenze sono incompatibili con il vostro modello di business. O simili.

Fate questo in modo sorprendente, senza alcun presagio! Per esempio, ho visto una volta un'azienda, dove il capo ha licenziato un gruppo di sviluppatori nel seguente modo:

  1. Li ha convocati ad una riunione nel suo ufficio.
  2. Ha fatto una riunione nel suo ufficio. 2. Mentre_ andavano da lui, ha chiamato l'amministratore di sistema e ha chiesto di disattivare tutti i loro accessi alla rete aziendale.
  3. Nell'ufficio li aspettava con la loro lettera di licenziamento.

Questo è ciò che si dovrebbe estendere con un backup fatto di nascosto di tutta la rete, prima dello sparo. Sarà utile se c'è già una backdoor nel vostro sistema, su questo backup avrete almeno la possibilità di trovarla.


Non potete evitare tutti i rischi. La decisione è vostra, se accettarla o cercare di dar loro più tempo. Al tuo posto non darei: se un dipendente può fare questo a te, semplicemente non puoi lasciarlo al suo posto.

0
-2
2013-01-09 16:28:17 +0000

Essere in un'azienda per un lungo periodo di tempo non prova nulla, se merita di essere licenziato per le sue prestazioni allora lo è.

Tuttavia credo che si dovrebbe guardare al quadro generale e vedere quanto si è investito in questi rapporti. Ne vale la pena?

Dovresti essere contento di aver visto le loro vere identità! Accettare la realtà per ciò che è, dimenticare il passato, andare avanti e godersi la vita per ciò che è :) !

-2

Questões relacionadas